Visita www.grumonline.it, www.modugnonline.it, oltre a www.binettonline.it, www.torittonline.it e www.bitettonline.it - Tutto su Grumo Appula, Modugno, Binetto, Toritto, Bitetto e la provincia di Bari!

mercoledì 31 dicembre 2008


(pubblicità progresso a cura di Angelo Chirico)

Maria Sensi: "La Roma
meritava lo Scudetto"



«La Roma meritava lo scudetto». Parola di Maria Sensi, intervenuta questa mattina in diretta radiofonica a 'Te la do io Tokyo' (Centro Suono Sport). Per fare un breve bilancio di fine anno: «Il 2008 non è stato positivo, nè per la famiglia e neppure per la squadra. La Roma meritava lo scudetto, un regalo anche per il suo presidente Franco Sensi. C'era un centenario da onorare e da rispettare (quello dell'Inter, ndr), però. Così è stato».
(da gazzetta.it)

Chiellini: "Se Amauri non
gioca con noi, lo picchio"



Il difensore bianconero sicuro: "Il gap con i nerazzurri è diminuito e loro dovranno calare un po'". La svolta del 2008 "è stata la vittoria di San Siro dopo il ritorno in Serie A". E scherza su Amauri azzurro: "Speriamo che il 10 febbraio (giorno dell'amichevole tra Italia e Brasile, ndr) giochi con noi. Altrimenti gli ho detto di prepararsi, perché lo picchio..."
(da gazzetta.it)

Ecco la squadra dei sogni
È il Top 11 della Gazzetta



Abbiamo votato la formazione ideale del 2008: in attacco c'è il trio delle meraviglie Ronaldo-Messi-Ibrahimovic. Due gli italiani: gli juventini Buffon e Chiellini. Della serie A presente anche Maicon; a centrocampo Gerrard, Xavi e Lampard

L'Inter campione d'Italia, la Spagna campione d'Europa e il Manchester United campione del mondo. Il 2008 ci lascia il ricordo di queste tre grandi formazioni, ma è troppo facile fermarsi qui, dribblando improbabili confronti. E allora, per scegliere i migliori undici dell’anno, per la prima volta giochiamo in casa. Il risultato è una squadra, anzi uno squadrone, con le nomination di 70 giornalisti della Gazzetta.

MODULO E INTERPRETI - Tra i tanti moduli possibili per la nostra formazione ideale, il 4-3-3, che affascina grandi tecnici come Lippi e Mourinho, ha raccolto la maggioranza delle preferenze, consentendo di schierare un tridente da sogno. Ma più del modulo, sempre relativo, è importante la scelta dei rispettivi interpreti, che complessivamente premia in ugual misura (4) il nostro campionato (Buffon, Maicon, Chiellini, Ibrahimovic) e quello inglese (Terry, Gerrard, Lampard, Ronaldo), con due giocatori della Liga (Xavi e Messi) e uno della Bundesliga (Lahm). E in particolare con una leggera prevalenza dei giocatori inglesi (Terry, Gerrard e Lampard) sugli italiani, entrambi juventini: Buffon e Chiellini.
1.Buffon
2.Maicon
3.Lahm
4.Chiellini
5.Terry
6.Xavi
7.Gerrard
8.Lampard
9.Ibrahimovic
10.Messi
11.C.Ronaldo
(da gazzetta.it)

Champions, tra i gol più belli
le firme di Del Piero e Vucinic



L'Uefa ha selezionato i dieci "gioielli" della prima fase del più prestigioso torneo europeo. L'Italia vi figura per le reti realizzate dal bianconero e dal giallorosso, ma anche per la segnatura firmata da Culio del Cluj contro la Roma

L’Uefa ha selezionato i 10 souvenir da portarsi allo spettacolo pirotecnico di febbraio. I 10 gol più belli della prima fase di Champions, scelti tra i 247 segnati in 96 incontri, media di 2,57 gol a partita (meno della passata edizione, 267 alla media di 2,75). L’Italia figura tre volte: due volte ha segnato, una volta ha subito. Una squadra presente con due gol, lo Shakhtar Donetsk. Rimane solo un nome rispetto al 2007: Lionel Messi... L’ordine è cronologico. A voi, i 10 diamanti nell’autunno Champions.

1. Steven Gerrard, Olympique Marsiglia-Liverpool, I giornata

2. Juan Culio, Roma-Cluj, I giornata

3. Fernandinho, Basilea-Shakhtar Donetsk, I giornata

4. Lionel Messi, Basilea-Barcellona, III giornata

5. Alessandro Del Piero, Juventus-Real Madrid, III giornata

6. Mirko Vucinic, Roma-Chelsea, IV giornata

7. Giorgos Karagounis, Werder Brema-Panathinaikos, IV giornata

8. Willian, Shakhtar Donetsk-Basilea, V giornata

9. Jeppe Curth, Manchester United-Aalborg, VI giornata

10. Arjen Robben, Real Madrid-Zenit, VI giornata

(di Tancredi Palmeri da gazzetta.it)

martedì 30 dicembre 2008

Ancelotti: "Crediamo
ancora nello Scudetto"



Il tecnico rossonero: «Il Milan può riprendere l'Inter. Beckham? È un giocatore importante. Darà il suo contributo»

Al caldo di Dubai, Carlo Ancelotti torna sulla novità più glamour degli ultimi tempi in casa Milan. David Beckham ha finalmente indossato la divisa dei rossoneri per prendere contatto con la realtà dei prossimi due mesi. «Stamattina ha svolto il suo primo allenamento con la squadra - dice il tecnico milanista -. Ritengo che sia un giocatore importante e che darà il suo contributo al Milan. È un calciatore che può giocare in tutti e tre i ruoli di centrocampo e si è messo subito a disposizione del gruppo. Questa settimana di ritiro sarà utile per valutare la sua condizione fisica e poi valuteremo quando sarà possibile utilizzarlo nelle gare ufficiali».

Quanto agli obiettivi stagionali, Ancelotti è convinto che il Milan possa riagguantare la capolista Inter, nonostante i 9 punti di distacco in classifica. «Nella seconda parte della stagione - dice il tecnico emiliano - dovremo migliorare il nostro livello di gioco, soprattutto nella fase difensiva. Crediamo ancora nello scudetto e siamo convinti di poter raggiungere l’Inter».
(da corrieredellosport.it)

Julio Cesar ad Adriano
"Devi restare all'Inter"



Dal Brasile il portiere nerazzurro conferma la fiducia al compagno: "Sono certo che supererà il momento difficile e rimetterà le cose a posto". Ieri l'attaccante aveva assicurato il suo ritorno a Milano il 2 gennaio per riprendere ad allenarsi agli ordini di Mourinho

"Voglio che rimanga all'Inter. Sono fiducioso, supererà il momento difficile e rimetterà le cose a posto". Il portiere dell'Inter Julio Cesar, scommette ancora una volta su Adriano. L'estremo difensore brasiliano, come si legge globoesporte.com, è convinto che l'attaccante possa dare un contributo importante alla causa nerazzurra nella seconda fase della stagione.
(da gazzetta.it)

Cobolli vede un super 2009
"Grandi con la G maiuscola"



Il presidente della Juventus: "Sono convinto che rispetto al 2008 ripartiremo meglio, l'Inter ha 6 punti di distacco, per lo scudetto potremmo farcela. I nostri campioni credo sentano più la Champions. Del Piero fondamentale, Amauri in azzurro"
(da gazzetta.it)

ABBIAMO CHIUSO IL SONDAGGIO

Vi avevamo chiesto:
"Scegli il gol più bello del 2008"

Ecco il responso:

1°) 41% Kakà in Milan-Lazio 3° giornata

video


2°) 30% Del Piero in Juventus-Roma 10° giornata


video

3°) 27% Lavezzi in Inter-Napoli 14° giornata


video


4°) 25% Ibrahimovic in Inter-Bologna 6° giornata

video


23% altri....

Toni cannoniere d'Italia
"Amauri? Non ho paura"



Sulla Gazzetta dello Sport intervista all'attaccante italiano che ha segnato di più nel 2008: "Noi siamo sempre di moda, gli inglesi ci temono. Farei pazzie per arrivare a giocare la finale di Champions a Roma"

Luca Toni nel 2008 ha vinto per la prima volta un campionato, vi ha aggiunto una coppa di Germania e il titolo di capocannoniere della Bundesliga. Ha segnato 32 volte con il Bayern, due con la Nazionale: miglior cannoniere italiano nei 12 mesi. Di questo e altro parla oggi sulla Gazzetta dello Sport, nell'intervista di Pierfrancesco Archetti. A partire dall'argomento più caldo.
(da gazzetta.it)

"Gascoigne era in albergo
A Natale da solo e ubriaco"



La ricostruzione del Daily Star: "Gazza era psicologicamente distrutto dalle dichiarazioni del figlio dodicenne Regan, che in un documentario tv ha detto di volere il padre fuori per sempre dalla sua vita". La rivelazione in una serie di telefonate ai familiari
(da gazzetta.it)

domenica 28 dicembre 2008

Calciopoli: Avvocato Moggi:
‘Non solo Juve e Moggi nel sistema’



L'avvocato di Big Luciano mette i punti sulle i. Non ci sta ad a far attribuire tutta la colpa al suo assistito.
Paco D'Onofrio, legale difensore di Luciano Moggi:. "Faremo i nomi di chi telefonava ad arbitri e designatori - ha detto in un'intervista alla trasmissione "Confessioni di Calcio" in onda oggi alle 15.45 su Telelombardia -. Quelle telefonate sono atti materialmente già a disposizione della Procura di Napoli, ma il processo sportivo di Calciopoli venne celebrato in venti giorni senza la possibilità che tutte le prove venissero valutate".

Anche perchè, se fossero stati fatti i nomi di tutte le squadre coinvolte, "avremmo avuto il successivo campionato di serie A con 8-10 squadre. E allora, visto che l'opinione pubblica cercava un capro espiatorio, si è deciso di condannare solo una espressione di quel sistema".
(da calciomercato.com)

Capocannoniere di serie A
Chi succederà a Del Piero?


Dopo 17 giornate di campionato il trono di re del gol è quanto mai conteso: Di Vaio, Gilardino e Milito si dividono il comando a quota 12 reti. Inseguono Amauri e Ibrahimovic, ma guai a sottovalutare Kakà, Ronaldinho e il capitano della Juve, campione uscente

Chi vincerà il titolo di capocannoniere di serie A nel 2009? Alla 17ª giornata di campionato i pretendenti al trono sono ancora tanti. In testa, a quota 12 gol, c'è un terzetto inedito: Di Vaio-Gilardino-Milito, in rigoroso ordine alfabetico, ci mancherebbe.
(da gazzetta.it)

CLASSIFICA MARCATORI ATTUALE
Marco Di Vaio (Bologna) 12
Alberto Gilardino (Fiorentina) 12
Diego Milito (Genoa) 12

Amauri 'Amauri' Carvalho de Oliviera (Juventus) 11
Zlatan Ibrahimovic (Inter) 10
Antonio Di Natale (Udinese) 8
Sergio Floccari (Atalanta) 8
Mauro Zárate (Lazio) 8
Bernardo Corradi (Reggina) 7
Germán Denis (Napoli) 7
Marek Hamšyk (Napoli) 7
Ricardo 'Kaká' Izecson Santos Leite (Milan) 7
Giuseppe Mascara (Catania) 7
Fabrizio Miccoli (Palermo) 7
Ronaldo 'Ronaldinho' de Assis Moreira (Milan) 7
Robert Acquafresca (Cagliari) 6
Alessandro Del Piero (Juventus) 6
Adrian Mutu (Fiorentina) 6
Alexandre 'Pato' Rodrigues da Silva (Milan) 6
Fabio Quagliarella (Udinese) 6
Giuseppe Sculli (Genoa) 6

ABBIAMO CHIUSO I SONDAGGI

Champions, negli ottavi Chelsea-Juve, Arsenal-Roma e Inter-Manchester United. Chi passerà delle italiane?
38% Juve e Roma
15% Passeranno tutte
11% Non passerà nessuna
10% Solo la Juve
9% Juve e Inter
8% Solo l'Inter
5% Solo la Roma
4% Roma e Inter

Champions, quale italiana rischia di più?
70% L'Inter con il Manchester United
15% La Juventus con il Chelsea
15% La Roma con l'Arsenal

sabato 27 dicembre 2008

Ancelotti: "A Roma dopo Spalletti"
"Spero vinca la Champions, e poi..."


"So di dire una cosa che scatenerà un putiferio: Spalletti vinca la Champions e poi si tolga dalle scatole". Con queste parole, rilasciate al Corriere dello Sport, il tecnico del Milan, Carlo Ancelotti, si candida per la prossima panchina della Roma, squadra alla quale Ancelotti rimane molto legato. "Quest'anno la finale è all'Olimpico - ha ricordato Ancelotti - e mi auguro che la Roma possa prendersi una rivincita dopo la finale persa nell'84".

Quei maledetti rigori contro il Liverpool, evidentemente, non sono ancora stati ancora dimenticati; dai tofosi giallorossi e dallo stesso Ancelotti che nella Capitale ha trascorso 8 anni indimenticabili: "Nel calcio i corsi e i ricorsi storici sono frequenti e rinnovo l'augurio che feci in occasione della festa degli 80 anni della Roma, ovvero che la squadra giallorossa possa avere la sua rivincita il prossimo maggio".

Poi Ancelotti si sofferma sul Milan e sui suoi campioni. Pirlo, Seedorf, Ronaldinho, Kakà e Pato. Possono giocare tutti insieme? "Quei cinque più Beckham. Ci saranno delle partite in cui giocheremo col massimo della qualità. Esteticamente siamo i migliori, lo spettacolo è una filosofia. Cosa voglio dal 2009? Vincere. Sono passati 12 mesi dall'ultimo successo e l'astinenza comincia a pensare".

Qualche consideraazione viena fatta anche sulla prossima finestra di calciomercato? "Stiamo pagando tanto l'assenza di Nesta, è un caso che ci preoccupa - ha detto Ancelotti confermando le parole di Galliani -, ma andremo avanti così. Cannavaro? Gli voglio bene ma presto avremo Thiago Silva e recupereremo Senderos e Bonera. Il rientro di Gattuso? Rino è stato capace di bruciare i tempi, ma gli serviranno sei mesi".
(da sportmediaset.it)

Amauri, mano tesa a Dunga
"Io non pretendo nulla"



Il brasiliano al quotidiano Estado de S.Paulo: "Aspetto tranquillo, che sia una convocazione del Brasile o dell'Italia. Ma per il momento posso giocare solo in verdeoro. Alcune dichiarazioni del mio ex procuratore hanno finito per danneggiarmi di fronte al c.t. della Seleçao"

Il Brasile resta nei sogni di Amauri. In attesa del passaporto italiano che gli aprirebbe le porte della Nazionale di Lippi, l'attaccante della Juventus, in un'intervista al quotidiano brasiliano Estado de S.Paulo, ribadisce che la sua prima opzione resta la Seleçao, dove però Dunga ancora non lo chiama, anche se nei giorni scorsi non ha escluso di poterlo inserire tra i convocati per l'amichevole del 10 febbraio, proprio contro gli azzurri. "Aspetto tranquillo, che sia una convocazione del Brasile o dell'Italia - dice Amauri -. Il passaporto? Dipende dalla burocrazia, può arrivare tra giorni o tra mesi, potrebbe essere pronto anche a inizio anno. Io, comunque, sono brasiliano e l'unica nazionale dove posso giocare, per il momento, è quella brasiliana. Sto solo aspettando una chance".
(da gazzetta.it)

Bayern, stadio distrutto
Ma è solo uno spot



Diventa un caso il lancio dell'ultimo film di Keanu Reeves con le sequenze del crollo dell'Allianz Arena. Il Bayern denuncia il danno all'immagine del club. E sul web non mancano le parodie dei tifosi delle squadre rivali

Non si scherza con l'Allianz Arena. Nemmeno nella fiction, e nemmeno se di mezzo c'è Keanu Reeves, ovvero "Neo", l'eletto della trilogia di "Matrix". Ma qui non siamo a Zion, non esiste un'umanità succube, senza saperlo, di un programma che plagia le menti. Più modestamente, il film in questione ("Ultimatum alla Terra") parla di un vampiro che annuncia la fine del mondo e che, rimanendo inascoltato, decide di distruggere tutto. Compreso lo stadio di Monaco di Baviera.
(da gazzetta.it)

Beckham, pericolo Dubai
Sarà sorvegliato speciale



La stella inglese, che da lunedì andrà in ritiro con il Milan negli Emirati Arabi, potrebbere essere un obiettivo ideale per i fanatici musulmani. Per questo, David sarà guardato da uomini armati 24 ore su 24 . E a capodanno, niente brindisi con la Pepsi: il contratto è chiuso
(da gazzetta.it)

Tiro libero decisivo??
Occhio al tifoso: si spoglia


Nel Campionato di basket Ncaa può accadere di tutto quando gioca Duke, anche che un tifoso improvvisi un pazzo balleto nudo, solo per far sbagliare l'avversario dalla lunetta...

video
(da gazzetta.it)

Gascoigne non si trova più
Il figlio dodicenne lo scarica



Gazza è sparito: aveva lasciato la clinica dove cerca di disintossicarsi dall'alcol per passare Natale in famiglia, ma non si hanno più sue notizie. Il piccolo Regan: "Lo terrei fuori dalla mia vita, è destinato a morire presto"
(da gazzetta.it)

venerdì 26 dicembre 2008

Lanzafame torna a Bari


Accordo tra Bari e Palermo per il ritorno in maglia biancorossa del laterale Davide Lanzafame. Il giocatore su autorizzazione della società siciliana sarà nel capoluogo pugliese già da domenica per la ripresa degli allenamenti dopo la parentesi natalizia.
(da asbari.it)

PER RIDERE UN PO'...

I regali di Moratti

video

(da zebrabianconera10)

Scarica subito la nuova suoneria



(da
ioruboilcampionato)

Figura di Merder

AMALAAAAAAAAAAAAAAAAAA!
E' inutile: l'Europa non fa per loro! Grazie Inter!


(da ioruboilcampionato)



Moratti soddisfatto


Minimo Moratti: "Mourinho è riuscito a dare finalmente un volto e un'identità alla squadra".

A noi questa identità non sembra tanto diversa da quella di Mancini: 4-4-2, figuracce in Champions e inserimento di tutte le punte possibili e immaginabili quando si è in svantaggio, come è accaduto contro i greci del Panatinhaikos e contro il Werder Brema.

(da ioruboilcampionato)



La moviola nerazzuRa

Ecco le azioni clou dell'ultima giornata come sono state viste da alcuni tifosi nerazzuRi






(da barzainter)


A pensar male si fa peccato...


Moratti risponde risentito a chi lo paragona alla Triade: "Da tre anni a questa parte c'è buona fede, non è come prima..."
Siccome non è la prima volta che lo sentiamo rispondere piccato a queste domande e siccome la buona fede prende spesso le parti nerazzuRe... beh... Non è che vale il solito detto che la "gallina che canta è quella che ha fatto l'uovo?"

(da barzainter)

Gli ex calciatori dell'Inter

L'ex giocatore dell'Inter è un animale in via d'estinzione presente in tutto il mondo, ma importato nelle oasi verdi italiane per poterlo proteggere. Massimo Moratti è l'unico studioso che ha dedicato la sua vita allo studio di questa specie.

La leggenda
Si dice che dal periodo 1989-2006 nell'Inter siano militati 1200 giocatori diversi, alcuni hanno giocato 2 minuti a campionato per 5 miliardi di vecchie lire. Questa leggenda fu istituita da Massimo Moratti per provare a vincere qualche trofeo, ma purtroppo non fu cosi e l'unico trofeo vinto fu una storica Coppa Del Nonno.

Fondi trasferimenti
I soldi furono detratti da varie attività del signor Moratti quali: prostituzione, spaccio di Gatorade, riciclaggio di denaro e vendita di magliette sporche di calciatori.

Ex famosi
Ze Maria
Acquistato dal Perugia, questo transgender non gioco nemmeno una partita, ora fa la trans a milano e si fa chiamare Zia Maria. Attualmente gioca nel Portuguesa.
Belozoglu Emre e Buruk Okan
Moratti li acquisto con un 2*1. Erano delle promesse del calcio molisano, hanno smesso nel 1948 e si sono dati al fumo di sigari turchi e allo spaccio. Il primo milita nel Fenerbache il secondo nel Galatasaray.
Andy Van der Meyde
Trequartista olandese comprato da Moratti per Hector Cuper. Forniva assist così precisi che i suoi compagni non li riuscivano a prendere. Adesso è in prestito al Metz, team di Alessia Merz.
Kily Gonzalez
Si parlava molto bene di lui, il presidente lo comprò e lo diede in prestito alla Longobarda, ma Oronzo Canà non lo fece mai giocare, cosi abbandonò il calcio per fare lo spazzino a Napoli (e coltivare così la sua vera passione, l'ozio).
Francesco Moriero
Fu uno dei pochi che giocò molto. Ora è un giornalaio di professione ma come copertura fa il riciclatore di auto rubate.
Pierre Wome
Detto Pier era un rincalzo preso da Moratti. Giocò 2,11 minuti e fu cacciato per avere impuzzonito il bagno di San Siro dopo una sciolta. Adesso è un affermato aiuto lavavetri.
Vampeta
Questo giocatore doveva essere un fenomeno, ma le sue tendenze omosessuali lo fecero vendere dopo 3 giorni dal suo arrivo. Ci provò con tutti, anche con Cuper. Adesso è un bagnino a Vergate sul Membro-Torvajanica.
Felice Centofanti
Fu ingaggiato dalla Marchigiana per 2 pistacchi e una banana. Giocò poco ma si fece notare per la sua faccia brutta e la sua pettinatura, ora lavora a "Striscia la notizia" come inviato, ed è affetto dalla sindrome di Pippo Franco. Cioè che non fa ridere.
Francesco Colonnese
Non si sa perché è stato preso. Voci dicono che serviva gente per una festa, cosi l'hanno acquistato. Ora è un cameriere a una fraschetta a Frascati.
Taribo West
Dal selvaggio west arrivò questo giocatore. Taribo gioco 13 volte e fu espulso 15. Ora fa wrestling e si fa chiamare Booker T.
Cecile Domoraud
Non si ricorda nulla di lui. Nemmeno il nome di battesimo, che non è Cecile ma Cyril.
Lampros Choutos
È un greco che ancora gioca nell'Inter. È la settima punta e spera che tutte le altre si facciano male. Proviene dalle giovanili del Lambrate, da cui il soprannome Lambros.
Wim Jonk
Colosso olandese proprietario di una fabbrica di biscotti, fu comprato dall'Inter per un errore anagrafico. La squadra milanese cercava il terzino Song, ma Branca per un difetto congenito non distingue alcune lettere dell'alfabeto e prese il mitico Wim.
Robbie Keane
Acquistato durante la festa di San Patrizio, portò alla Pinetina 400 kg. di patate, birra e due prostitute. Oggi gestisce uno strip club a Londra.
Hakan Sukur
La sua miglior prestazione fu quando fece da palo ai compagni che andarono a mignotte.
Rambert
Arrivò all'inter insieme a J. Zanetti, si pensa perché altrimenti non gli avrebbero dato Zanetti stesso, e non riuscirono mai a fargli capire che per essere un buon giocatore basta dribblare gli avversari e non anche tutti i fili d'erba, che anche se poca a san Siro rimane comunque un'impresa, si dice che una notte sia stato rapito nella sua stanza e dopo un lavaggio del cervello per non fargli ricordare nulla, sia stato liberato nella Pampa argentina dove potè dribblare tutto quello che volle.
Caio
Pupillo di Moratti, fortunatamente non lo fu quanto Recoba, se ne perdono le tracce dopo averlo scaricato al Napoli, fu forse l'unica volta che Moratti rifilò un bidone invece di prenderlo. Qualcuno sostiene di vederlo ancora palleggiare all'esterno della Pinetina nella speranza di fare ricredere Moratti sul suo conto.
Pistone
Comprato per sostituire Roberto Carlos e fortemente voluto da Roy Hodgson
Macellari
noto cocainomane, prosegue l'eterna stirpe dei terzini sinitri interisti, che riescono nell'impresa di far rivoltare Facchetti nella tomba.
Gresko
vincitore dell'ambito premio Sono qui per caso e tutti devono accorgersene, ricevuto un famoso 5 maggio.
Quaresma merita una pagina a parte: clicca qui.

Altri giocatori
Dj Francesco
Fabri Fibra
Pippo Franco

Giancarlo Magalli, come punta.
Mino Reitano
Fabrizio Frizzi
, uno scandalo umano.
Mastro Geppetto
Benoit Cauet
Stephane Dalmat
Dario Simic
Alvaro Recoba
, 10 presenze in 10 anni.
Tutta la banda di Bassano del Grappa.
Wlady
Tonio Cartonio
, grande terzino ma poco utilizzato.
I fratelli Sorondo e Redondo
Brechet
giocatore che gioco solo al trofeo birra Moretti.
Coco nel ruolo di comparsa, ora è un Pornoattore
Marcella Bella l'unica donna che gioco in serie A grazie all'Inter.
Gianni Bella grande portiere vittima degli infortuni.
Bobbe Malley nel ruolo di punta pesante.

Giocatori davvero forti
Pirlo e Seedorf, gli unici 2 forti, furono ceduti al Milan. Roberto Carlos al Real Madrid. E Fabio Cannavaro ceduto alla Juve.

Studi scientifici
Studiosi e scienziati hanno dedotto la formula matematica che faceva perdere l'Inter:
giocatoriscandalosi X numerodigiocatoriavuti = fallimentototale
(da nonciclopedia)

E infine...
La foto dell'anno


giovedì 25 dicembre 2008

TANTISSIMI AUGURI
DI BUON NATALE
dallo Staff
di Grumonline.it e Fantagrumo





mercoledì 24 dicembre 2008

Dunga: "Convoco Amauri
ma non mi chieda il posto"



Il c.t. della Seleçao apre al bianconero: "Il suo procuratore la smetta di dire che viene solo se sarà titolare: una garanzia che non do neanche a Kakà e Ronaldinho. Adriano? Voi italiani siete troppo cattivi con lui, ma io ancora gli credo"

"Voglio chiamare Amauri nella Seleçao per una delle prossime amichevoli. Però...". Carlos Dunga alza il tono della voce. Si aspettava la domanda sul fuoriclasse della Juve. Una "condanna" inevitabile. Stavolta, però, la risposta del commissario tecnico verde-oro è una clamorosa apertura. Fino a due mesi fa Amauri doveva aspettare con pazienza il suo turno. "Nel Brasile ci sono delle gerarchie da rispettare e se lui preferisce l'Italia... Decida lui". Ora c'é una promessa di convocazione. Tra l'altro, in tempi brevi. Condita con tanti "però". "Amauri è un grande attaccante. E deve essere anche un ottimo ragazzo. Vi svelo un piccolo segreto".
Prego.
"Mi ha chiamato Julio Cesar per suggerirmi di convocare il centravanti della Juve. E Julio è uno di cui ci si può fidare. Però... ".
Però?
"Il procuratore di Amauri deve smettere di sparare cazzate. Ormai ha invaso i giornali brasiliani con messaggi minacciosi del tipo: "Amauri viene, ma pretende un posto da titolare". Vi rendete conto? Un procuratore che detta le regole. Chi mi conosce sa che simili dichiarazioni mi fanno impazzire".
Il primo "però" è chiaro: Amauri in pratica dovrebbe chiudere la bocca al suo procuratore.
"E si ricordi che neppure Pelè pretendeva un posto da titolare nella Seleçao. Dico, Pelè. Nella mia nazionale ci sono regole precise. Amauri chieda a Kakà e Ronaldinho. Stiamo parlando di due Palloni d'oro. Chieda a loro se hanno mai preteso una maglia da titolare nella mia squadra. Io convoco i giocatori, io decido chi scende in campo. Kakà e Ronaldinho hanno accettato le mie regole".
Quindi?
"Sono pronto a convocare Amauri a patto che lui non pretenda un posto da titolare. Tra l'altro, entrare in punta di piedi sarebbe opportuno anche per lui. In Brasile ora tutti vogliono Amauri, ma se il ragazzo sbagliasse la prima partita... Il giorno dopo verrebbe distrutto. Sono stato chiaro? ".
Riassumendo: porte aperte a un Amauri disposto a mettersi in gioco come Kakà e Ronaldinho.
"Esatto".
Da un attaccante lanciato, a uno ancora in crisi: Adriano è finito nuovamente sotto accusa.
"Ancora la storia dell'alcol? Voi italiani siete diventati troppo cattivi con Adriano. E avete uno strano modo di ragionare sul tema degli alcolici".
In che senso?
"In Italia se uno beve un bicchiere di vino è normale, se uno beve un bicchiere di birra passa per un ubriacone. Non è giusto. A noi brasiliani piace più la birra che il vino. Mi ricordo che in Germania il discorso era all'opposto. Se bevevi la birra eri nelle regole, guai, invece, se sceglievi il vino".
Adriano è nuovamente sul mercato.
"Penso che la storia con l'Inter sia arrivata ormai alla fine. Io, però, credo ancora in Adriano".
Pensando al prossimo Mondiale è meglio se Adriano torna in Brasile o se resta in un club europeo?
"In Brasile ci sono tante tentazioni per un calciatore. Forse meglio l'Europa".
Restando alla Seleçao ci sono altre novità in vista?
"Ho fatto seguire Felipe Melo. Mi ha convinto. Presto gli concederò un'opportunità. Ma non chiamatelo il nuovo Dunga. Lo chiedo per favore ai miei amici fiorentini. Lui è soltanto Felipe Melo. Uno bravo".
Il Milan ha acquistato Thiago Silva.
"Qui parliamo di un fenomeno. E' veloce, ha personalità, calcia in maniera fantastica le punizioni. Può giocare in ogni ruolo della difesa. Insomma, è un numero uno. Il Milan è riuscito a piazzare un colpo fantastico".
Nel Milan è tornato a incantare Pato.
"Ha classe. E personalità. E' andato a lungo in panchina eppure non ha perso la testa. Vuol dire che è un ragazzo sano. E poi fa gol. Lo dicevo che ricorda un po' Ronaldo".
Sia Kakà, sia Ronaldinho stanno abituandosi a giocare insieme.
"Certo, per loro è dura. Devono sacrificarsi di più. Però una squadra che riesce a far coesistere Kakà e Ronaldinho può puntare a qualsiasi traguardo. Quei due sono campioni capaci di segnare tre gol partita. Fanno male, anzi malissimo quando hanno la palla tra i piedi".
Nell'Inter, invece, è esploso Maicon.
"Moratti ha detto che è uno da Pallone d'oro, vero? Giusto. Maicon, per il momento, è un campione senza limiti. E, soprattutto, è un uomo vero. Lui sarebbe capace di giocare anche con un piede rotto. L'ho potuto toccare con mano durante la coppa America. Capisco che Mourinho lo adori. Ogni allenatore si innamora di un grande giocatore come Maicon".
L'Inter ha vinto il campionato d'inverno.
"E' la squadra più forte. Però il campionato non è finito. Se Ancelotti riesce a far rendere nel Milan al cento per cento Kakà e Ronaldinho... ".
In Inghilterra dicono che a gennaio Scolari sarà il prossimo commissario tecnico della Seleçao.
"Davvero? Sono invenzioni della stampa. Anche in Brasile c'è chi vorrebbe comandare nelle scelte della Seleçao. E con Dunga in panchina comanda Dunga. Scolari e il Chelsea si preoccupino di battere la Juve in Champions League. Non sarà facile". Con questo Amauri brasiliano...
(di Luca Calamai da gazzetta.it)

Milan, ipotesi Cannavaro
In rotta con Real, pronto per gennaio



Il Milan continua a lavorare intensamente sul mercato per trovare i rinforzi giusti già a partire da gennaio. Nelle ultime ore si è fatta strada in questo senso una pista che porta a Cannavaro. Il capitano della Nazionale, in scadenza di contratto a fine stagione, sta discutendo da tempo, e senza successo, il rinnovo con il Real. Nel caso in cui la trattativa fallisse, il Milan è pronto a offrire un contratto di un anno al centrale difensivo

Insomma, per la gioia di Berlusconi, il club di via Turati sta pensando a un altro Pallone d'Oro, l'uomo buono per puntellare una difesa che traballa e garantire ad Ancelotti il salto di qualità necessario a dare l'assalto-scudetto all'Inter. Poi, chiaro, siamo ancora alle parole, perché Cannavaro - lo ha ammesso lui stesso - discuterà il suo futuro a gennaio, una volta tornato dalle vacanze di Natale. Quando, cioè, il Real Madrid dovrà dare risposte concrete al nazionale azzurro se non vuole perderlo anticipatamente.

Cannavaro al Milan è però un passaggio temporaneo. Intanto perché i rossoneri hanno sposato con Thiago Silva la linea verde e sembrano avere tutta l'intenzione di svecchiare la rosa. Quindi perché il centrale dei Merengues non ha mai nascosto la sua volontà di chiudere la carriera al Napoli. In attesa di quel giorno, il capitano di Lippi potrebbe giocare una stagione ancora ad alto livello al Milan per poi tornare a casa per concludere la sua straordinaria vita calcistica.
(da sportmediaset.it)

Furto a casa Ronaldinho
Salvo il Pallone d'oro



Quattro ladri sono entrati nella villa del giocatore del Milan, tornato in Brasile per le vacanze. Rubati gioielli e orologi, non i trofei sportivi. La notizia riportata dal Corriere della Sera

Hanno agito in quattro, poco dopo la mezzanotte di lunedì, approfittando dell'assenza del giocatore e del suo clan. I ladri che hanno svaligiato la villa di Ronaldinho portando con loro oggetti di valore per migliaia di euro, hanno però "dimenticato" ilPallone d'oro, uno dei cimeli sportivi più conosciuti al Mondo, e questo è forse l'unico aspetto positivo di una vicenda che ha guastato il Natale al fuoriclasse del Milan.
(da gazzetta.it)

martedì 23 dicembre 2008

Un fenomenALE 2008
Mai così tanti gol


Nell'anno solare Del Piero ha stabilito il suo primato in bianconero: con 28 reti tra serie A e coppe ha superato le 24 del 2002

Alessandro Del Piero è partito per le vacanze di fine anno con una valigia mai così piena. Nel 2008 in serie A nessuno ha segnato come lui, 20 reti. Ha battuto tutti e anche se stesso. Già, perché se ai gol in campionato si aggiungono quelli nelle coppe si scopre che il capitano della Juventus non aveva mai avuto un’annata tanto prolifica: 28 centri, 4 in più del proprio miglior anno solare, il 2002. Il fatto che abbia realizzato l’ennesimo record a 34 anni è un merito che ne accresce il significato.
(da gazzetta.it)

Galliani esalta il Ka-Pa-Ro
"E' il trio delle meraviglie"



L'a.d. del Milan è euforico dopo il 5-1 all'Udinese e applaude la decisione di Ancelotti di schierare Kakà sulla stessa linea di Ronaldinho con Pato davanti. "Un desiderio per il 2009? La salute dei nostri giocatori"

San Siro o Sambodromo? Anche David Beckham deve essersi stropicciato gli occhi davanti a tanto spettacolo. Il 5-1 all'Udinese condito dalle doppiette di Pato e Kakà, ha fatto impazzire Adriano Galliani che, nonostante la presenza austera di Victoria, non ha potuto fare a meno di esultare alla sua maniera. "Ieri Carlo ha ricostruito l'alberello - ha spiegato l'a.d. del Milan -, mettendo Kakà sulla stessa linea di Ronaldinho con Pato davanti; il trio brasiliano mi è sembrato il trio delle meraviglie".
(da gazzetta.it)

Totti: lesione confermata
Starà fuori almeno un mese



L'ecografia di stamattina ha evidenziato un problema muscolare dietro la coscia destra. E' il terzo infortunio rimediato dal capitano giallorosso quest'anno

Gli accertamenti ai quali è stato sottoposto questa mattina Francesco Totti hanno confermato una lesione muscolare dietro la coscia destra. Nei prossimi giorni, dopo l'ecografia di oggi, il capitano della Roma sarà sottoposto ad ulteriori controlli. Il giocatore deve stare ora a riposo, ma è ancora presto per parlare dei tempi di recupero, anche se un mese appare la previsione più ottimistica.
(da gazzetta.it)

"Adriano in prestito?
Valuteremo insieme a lui"



Massimo Moratti apre all'ipotesi di cessione del brasiliano. "E' un patrimonio di cui fai fatica a liberarti. Noi speriamo di ricevere segnali positivi da lui, ma siamo realisti. Vedremo cosa vorrà fare"
(da gazzetta.it)

Mazzone colpito da ischemia


L'ex allenatore 71enne è stato ricoverato sabato notte nel reparto di unità intensiva cardiologica ad Ascoli. Già l'11 dicembre era finito in ospedale per problemi addominali. Dopo due giorni di ricovero, i medici hanno escluso complicazioni
(da gazzetta.it)

PER RIDERE UN PO'

Ecco cosa é capace di fare Rémi GAILLARD, in Francia soprannominato "L'imposteur".
Questi sono solo alcuni dei tanti video, presenti sul suo sito nimportequi.com

Il primo é chiamato "Foot 2008"

video



Questo è chiamato "Ascenseur disco" (candid camera)

video



Questo è soprannominato "Rocky"

video



Questo é invece uno dei tanti video in cui lui fa il "cavallo pazzo" di Francia, durante un importante incontro di tennis con YANNICK NOAH.

video

lunedì 22 dicembre 2008

Che paura per Ogbonna!
Giù da un ponte con l'auto



Il difensore granata è precipitato in un torrente con la sua Smart questa mattina alle 5 nei pressi di Torino, a Beinasco. Il giocatore non ha riportato gravi conseguenze: solo un grande spavento e un trauma toracico. Da accertare le cause del "fuoripista"
(da gazzetta.it)

E.Grumese-Atl.Vieste 2-0


L'Europa Grumese coglie la sua terza vittoria consecutiva e chiude l'anno solare 2008 al 2° posto solitario in classifica, sempre a -8 dall'Audace Cerignola, oggi vittorioso anche sul campo del Trani. Ferrulli e Savoia i marcatori di giornata.

Nemmeno il migliore degli ottimisti a fine dicembre 2007, quando l'Europa Grumese chiudeva l'annata da 2^ classificata in Prima Categoria, poteva immaginare che 12 mesi sarebbe stata nella stessa posizione, ma nella categoria superiore (Promozione!).

Per leggere la cronaca della gara, a cura di Luigi Moretti, andate su Grumonline.it.

RISULTATI FANTACALCIO 17^ GIORNATA

Ecco i risultati finali:
Gli Invincibili-Vito 1
Mimmo-Tony 1
Rocco-Massimo 2
Giovanni-Francesco 1

Ecco la classifica:
Massimo 30 punti

Giovanni 29 punti
Rocco 27 punti
Francesco 24 punti
Mimmo 23 punti
Tony 22 punti
Gli Invincibili 18 punti
Vito 13 punti

Prossimo turno:
Mimmo-Gli Invincibili
Vito-Giovanni
Francesco-Massimo
Tony-Rocco

Classifica Generale:
Mimmo 1216,6
Tony 1216
Francesco 1203,5
Giovanni 1203,5
Massimo 1186,5
Rocco 1182,5
Vito 1160,5
Gli Invincibili 1150,5

domenica 21 dicembre 2008

VOTI POSTICIPO 17^ GIORNATA SERIE A

Goleada Milan per Beckham
Udinese sempre più giù



Rossoneri scatenati davanti allo Spice Boy in tribuna a San Siro: apre Pato, raddoppia Kakà, Di Natale accorcia ma dura un attimo: ancora Pato e Seedorf, nella ripresa chiude la doppietta di Kakà. Per Marino e i suoi crisi senza fine: sesta sconfitta in 7 partite, per Quagliarella timpano perforato

"Very good", deve avere esclamato David Beckham. E il Milan, per non sfigurare, ha fatto le cose in grande regalando all'inglese un 5-1 che cancella le ultime inquietanti prestazioni. E' la serata dei brasiliani Pato e Kakà: una doppietta a testa e spettacolo a profusione. Vittima l'Udinese, squadra allo sbando che consegna ai rossoneri tre punti vitali. Oltretutto è grave l'infortunio di Quagliarella: la prima diagnosi è timpano perforato.
(da gazzetta.it)

MILAN
ABBIATI 7-1 ANTONINI 6+0,5 DARMIAN 6 FAVALLI 6,5+1 JANKULOVSKI 6,5-0,5 KALADZE 6 MALDINI 6 STRASSER SV KAKA' 8+6 PIRLO 7 SEEDORF 7+3 PATO 8+7 RONALDINHO 7 SHEVCHENKO 6

UDINESE
HANDANOVIC 5-5 DOMIZZI 4 FERRONETTI 4 LUKOVIC 4 PASQUALE SV SALA 3 D'AGOSTINO G. 5,5 INLER 5-0,5 ISLA 5-0,5 DI NATALE 6+3 FLORO FLORES 5 PEPE 5-0,5 QUAGLIARELLA 5+1 SANCHEZ 5

RISULTATI, MARCATORI E ASSIST 17^ GIORNATA SERIE A

Sabato:
Lazio-Palermo 1-0
Rocchi (assist Meghni)

Siena-Inter 1-2
Maicon
Kharja (assist del Grosso)
Maicon (assist Maxwell)


Domenica ore 15:00
Atalanta-Juventus 1-3
Del Piero (assist Marchionni)
Legrottaglie
Vieri
Amauri


Cagliari-Reggina 1-1
Acquafresca
Brienza su rigore


Catania-Roma 3-2
Baiocco (assist Mascara)
Morimoto (assist Gia.Tedesco)
Morimoto (assist Biagianti)
Vucinic
Menéz (assist De Rossi)


Chievo-Genoa 0-1
Olivera

Lecce-Bologna 0-0

Sampdoria-Fiorentina 0-1
Montolivo (assist Kuzmanovic)

Torino-Napoli 1-0
R.Bianchi

Domenica ore 20:30
Milan-Udinese 5-1
Pato (assist Favalli)
Kakà (assist Pato)
Di Natale (assist Quagliarella)
Pato (assist Antonini)
Seedorf
Kakà

VOTI UFFICIALI FANTACALCIO 17^ GIORNATA SERIE A

Ancora Del Piero e Amauri
La Juve piega l'Atalanta



I bianconeri vincono 3-1 a Bergamo: gol del capitano, di Legrottaglie e del centravanti brasiliano. A inizio ripresa Vieri accorcia momentaneamente le distanze, ma non basta alla squadra di Del Neri, che si lamenta per un fuorigioco nella rete dell'1-0

La Juventus risponde ancora all'Inter. Passa a Bergamo, dove vince 3-1 sull'Atalanta. Colpiscono ancora i nuovi gemelli del gol bianconeri: Del Piero e Amauri. E pure Legrottaglie. Ad una buona Atalanta non basta la momentanea rete dell'1-2 di Vieri, appena entrato ad inizio ripresa. Del Neri esce sconfitto per la 12ª volta in altrettante sfide con la Juventus. La Juve si gode un successo difficile, perchè in questo stadio Doni e compagni si erano finora arresi solo al Milan. Perchè i giovani virgulti Marchisio e De Ceglie hanno superato la prova del nove, meno devastanti che contro il Milan, ma comunque più che positivi. Perchè l'attacco è un'arma impropria, e considerando che fuori ci sono Trezeguet e Iaquinta, le cose non potranno che andare meglio. Se possibile.
(da gazzetta.it)

ATALANTA
COPPOLA 4-3 GARICS 6,5 MANFREDINI T. 5,5-0,5 PELLEGRINO 5,5-0,5 TALAMONTI 5,5 DE ASCENTIS 6-0,5 DONI C. 6-0,5 FERREIRA PINTO 6,5 GUARENTE 6,5 PADOIN 6 VALDES 5,5 CERCI SV FLOCCARI 5,5 VIERI 6,5+3

JUVENTUS
MANNINGER 7-1 CHIELLINI 5 DE CEGLIE 6-0,5 LEGROTTAGLIE 7+3 MELLBERG 5,5 MOLINARO 6 MARCHIONNI 6,5+1 MARCHISIO 6,5-0,5 SALIHAMIDZIC SV SISSOKO M. 6,5-0,5 ZANETTI C. SV AMAURI 6,5+3 DEL PIERO 7,5+3


Fiorentina, un dolce Natale
Montolivo stende la Samp



I viola vincono in trasferta per 1-0 grazie a una rete del centrocampista nel primo tempo. Ai liguri non bastano le giocate di Cassano, toscani più volte pericolosi in contropiede
(da gazzetta.it)

SAMPDORIA
CASTELLAZZI 6-1 ACCARDI 5 CAMPAGNARO 5-0,5 STANKEVICIUS 6 BOTTINELLI 5-0,5 DELVECCHIO 5,5 FRANCESCHINI D. 6 PADALINO 6 SAMMARCO 6,5 ZIEGLER 5,5 BELLUCCI 6 CASSANO 6,5 FORNAROLI SV

FIORENTINA
FREY 6,5 COMOTTO 6,5 GAMBERINI 6,5 KROLDRUP 6,5 VARGAS 6,5-0,5 DONADEL 6 FELIPE MELO 7,5-0,5 JOVETIC SV KUZMANOVIC 6,5+1 MONTOLIVO 7+2,5 SANTANA 6 SEMIOLI SV GILARDINO 6 MUTU 6-0,5

Per il Catania è già festa
La Roma e Totti vanno ko



I siciliani battono 3-2 i giallorossi, reduci da otto vittorie in fila: il dominio rossazzurro per un'ora con reti di Baiocco e Morimoto (doppietta), poi match riaperto da Vucinic e Menez. Il fantasista esce alla mezz'ora per una lesione ai flessori della coscia destra
(da gazzetta.it)

CATANIA
BIZZARRI 5,5-2 SARDO SV SILVESTRE 5,5 SILVESTRI SV STOVINI 5,5-0,5 TERLIZZI 5,5-0,5 BAIOCCO 7,5+2,5 BIAGIANTI 6,5+1 CARBONI 6,5 TEDESCO Gia. 7+0,5 IZCO 6,5 MASCARA 7+1 MORIMOTO 7,5+5,5 PAOLUCCI SV

ROMA
DONI 5,5-3 CASSETTI 5-0,5 CICINHO 5 JUAN 4,5 MEXES 4-0,5 RIISE 5,5 BRIGHI 5,5 DE ROSSI 5,5+0,5 PERROTTA 5-0,5 MENEZ 6,5+3 OKAKA SV TOTTI 5,5 VUCINIC 6+2,5 BAPTISTA 5,5


Il Toro ha più fame
Bianchi castiga il Napoli



Prima vittoria in campionato per Novellino sulla panchina granata. Decide il terzo gol in serie A dell'attaccante. Azzurri irriconoscibili senza Hamsik e Lavezzi
(da gazzetta.it)

TORINO
SERENI 6 DI LORETO 6 NATALI 6 OGBONNA 5,5 PISANO M. 6,5-0,5 RUBIN 6 ABATE 6,5 ROSINA 5,5 VAILATTI 6,5 ZANETTI P. 6 DZEMAILI 7 AMORUSO 5,5-0,5 STELLONE SV BIANCHI 6+3

NAPOLI
IEZZO 6,5-1 CONTINI 6-0,5 RINAUDO 5,5-0,5 SANTACROCE 6-0,5 BLASI 6 BOGLIACINO SV GARGANO 6-0,5 MAGGIO 5 MANNINI 5,5 PAZIENZA 5,5 VITALE 6 DENIS 5 RUSSOTTO 6 ZALAYETA 5


Olivera beffa il Chievo
Genoa nei quartieri alti



L'uruguaiano segna la prima rete della sua stagione all'89', condannando la squadra di Di Carlo alla terza sconfitta consecutiva che rende più duro l'ultimo posto in classifica. I rossoblu invece salgono a quota 29, a un punto da Napoli e Milan
(da gazzetta.it)

CHIEVO
SORRENTINO 6-1 MANDELLI 5,5 MANTOVANI 6 MORO 6-0,5 SCARDINA 6 YEPES 6 BENTIVOGLIO 5,5-0,5 ITALIANO 5,5-0,5 LUCIANO 5,5 PINZI 6-0,5 BOGDANI SV ESPOSITO 6 LANGELLA 6-0,5 PELLISSIER 6-0,5

GENOA
RUBINHO 6 BIAVA 6-0,5 BOCCHETTI 6 CRISCITO 6 VANDEN BORRE 5,5 PAPASTATHOPOULOS 6 BRIVIO SV JANKOVIC 6-0,5 JURIC 6 MODESTO 5,5 OLIVERA 6,5+3 ROSSI M. 6 THIAGO MOTTA 6

Acquafresca illude Cagliari
Reggina salva di rigore



Al Sant'Elia è pareggio 1-1 tra sardi e calabresi. Il giovane bomber trova il vantaggio dopo meno di un minuto, ma nella ripresa raddrizza la situazione Brienza con un penalty che farà discutere. Buon esordio di Pillon sulla panchina amaranto
(da gazzetta.it)

CAGLIARI
MARCHETTI 6-1 AGOSTINI 6 BIANCO 5,5-1 CANINI 6 LOPEZ 6 PISANO F. 6 BIONDINI 6 COSSU 5,5 FINI 6-0,5 PAROLA SV ACQUAFRESCA 6,5+3 JEDA 6 LAZZARI 6

REGGINA
CAMPAGNOLO 6-1 CIRILLO 5,5 COSTA 6 LANZARO 6 SANTOS 6 BARILLA' 6 BARRETO E. 6-0,5 BRIENZA 6,5+3 CARMONA 5,5-0,5 DI GENNARO SV SESTU 6 CERAVOLO 6 STUANI 6-0,5


A Lecce vince solo la paura


Buon primo tempo del Bologna, nel secondo escono i padroni di casa: almeno tre occasioni per i giallorossi, ma gli ospiti si salvano anche grazie alla traversa. Pareggio che sta stretto ai pugliesi
(da gazzetta.it)

LECCE
BENUSSI 6 ANGELO SV SCHIAVI 5,5 STENDARDO 5,5-0,5 ARIATTI 5,5 CASERTA 6 FABIANO M. 5,5 GIACOMAZZI 5,5-0,5 MUNARI 5 VIVES 6,5-0,5 ZANCHETTA 6-0,5 CACIA 4,5 TIRIBOCCHI 5 CASTILLO 6,5

BOLOGNA
ANTONIOLI 6,5 MORAS 6 TERZI 5,5-0,5 ZENONI C. 5,5 AMOROSO 6 BOMBARDINI 5-0,5 MUDINGAYI 6 VALIANI 5,5 VOLPI 6,5 MARCHINI 5-0,5 CESAR SV ADAILTON SV BERNACCI 6 DI VAIO 5,5

Inter avanti tra le polemiche
Siena beffato da Maicon


Un gol in fuorigioco del brasiliano regala la vittoria (2-1) ai nerazzurri. In vantaggio con il terzino (doppietta), la capolista soffre dopo il pareggio di Kharja e poi resiste nel finale


L'Inter vince a Siena grazie a una doppietta di Maicon e si porta a +9 in attesa delle gare della domenica. I toscani, sempre in partita, hanno tanto da recriminare per la posizione chiaramente irregolare del brasiliano nell'azione del 2-1 a sette minuti dalla fine. Di Kharja la rete dei bianconeri alla fine del primo tempo.

GOL TRA LE PROTESTE - In una partita così, un episodio può essere pesantissimo. E puntualmente, si presenta con il tradizionale corredo di moviole e polemiche. Maxwell (posizione regolare) si trova sulla traiettoria del tiro di Cordoba, poi gira per Maicon (in netto, abissale, fuorigioco). Tocco sotto a scavalcare Curci, abbraccio sotto la curva con Mourinho e proteste feroci dei toscani. Incassato il 2-1 la squadra di Giampaolo mette alle corde Julio Cesar, salvato da Maxwell una volta e costretto all'intervento risolutore in altre due occasioni. Chiusure che valgono l'ottava vittoria consecutiva per i nerazzurri, sempre più in testa ma agevolati da un evidente errore arbitrale. Un regalo di Natale per una squadra che per ammissione dello stesso Mourinho, non meritava di vincere.
(da gazzetta.it)



L'Inter ringrazia Maicon, Siena ko

I nerazzurri vincono 2-1 con la doppietta del brasiliano. Inutile rete di Kharja. Proteste per il gol del raddoppio, in evidente fuorigioco. I nerazzurri a +9 sulla Juve


Una svista clamorosa dell'arbitro che non vede Maicon in fuorigioco su servizio di Maxwell e il gol del brasiliano di colore che dà la vittoria. Mourinho esulta e va fino sotto la curva ad abbracciare il suo terzino. La corsa dell'Inter, con un regalo natalizio dell'arbitro, continua. Il sogno dell'impresa del Siena svanisce.
(da corrieredellosport.it)



Che scandalo
Non si vince così


L'Inter passa a Siena, ma il gol-vittoria di Maicon è in fuorigioco

Brutta gara dei nerazzurri, che vanno in vantaggio col brasiliano ma si fanno raggiungere da Kharja. Poi il regalo di De Marco che vale il titolo d'Inverno.

Il gol decisivo e irregolare: tiro di Cordoba stoppato da Maxwell, tacco-assist per Maicon oltre la linea dei difensori, e palla a scavalcare Curci in uscita. Una festa da Champions, altroché. Mourinho non sta nel cappotto, Maicon si spoglia. Il Siena si arrabbia. De Marco lancia così l'Inter campione d'inverno tra le polemiche.
(da tuttosport.com)




VOTI UFFICIALI ANTICIPO 17^ SERIE A: SIENA-INTER
SIENA
CURCI 5,5-2 BRANDAO 6 DEL GROSSO 6,5+0,5 PORTANOVA 6,5 ZUNIGA 5,5 CODREA 6 GALLOPPA 6,5 KHARJA 6,5+2,5 VERGASSOLA 6-0,5 CALAIO' SV FRICK 5,5 GHEZZAL 6,5 MACCARONE 6

INTER
JULIO CESAR 5,5-1 CORDOBA 5,5 MAICON 6,5+5,5 MAXWELL 6+1 SAMUEL 6-0,5 CAMBIASSO 7 FIGO 5,5 JIMENEZ 6 MUNTARI 5,5 ZANETTI J. 6 QUARESMA SV BALOTELLI 5-0,5 CRESPO 5,5 IBRAHIMOVIC 5,5

video