Visita www.grumonline.it, www.modugnonline.it, oltre a www.binettonline.it, www.torittonline.it e www.bitettonline.it - Tutto su Grumo Appula, Modugno, Binetto, Toritto, Bitetto e la provincia di Bari!

venerdì 29 febbraio 2008

SANREMO: TRA LITI E PLAGI C'E' QUALCHE BELLA CANZONE?


Bè, cari fantabloggers, potevamo non parlare della festa nazional-popolare italiana, ossia il Festival di Sanremo??
Quest'anno senza dubbio il festival si sta facendo "notare" più per i plagi della Bertè e le liti del dopofestival, che per la qualità delle canzoni in gara.
Proprio ieri sera vi è stata una nuova lite in diretta tra Frankie Hi Nrg e Tiromancino, in cui sono volate parole grosse: il primo, ospite di Elio & C., richiesto un parere sul brano 'Il rubacuori' di Tiromancino, sostiene che il brano, di cui si e' parlato molto prima del festival per via della rottura del gruppo con la propria discografica, e' stato "sopravvalutato", rispetto alla reale resa alla prova dell'esecuzione al festival. Poco dopo, Federico Zampaglione, frontman e leader dei Tiromancino, avvertito mentte era ad una festa delle affermazioni di Frankie, raggiunge il Dopofestival. E si arrabbia non poco per le affermazioni del collega: "Io non mi sono mai permesso -afferma- di dire che il tuo 'Rivoluzione' e' un rappettino e che ti hanno ripescato al festival perche' i tuoi dischi vendono sempre di meno. Perche' non si parla male di chi non e' presente e anche per rispetto per il lavoro degli altri". Frankie si difende: "Mi hanno chiesto un parere e l'ho dato e non e' che lo educloro perche' sei arrivato qui". A quel punto Zampaglione sbotta: "Allora non mi fare i complimenti e gli inchini quando mi incontri, perche' sei un leccaculo". E il rapper: "Sei surreale".

Detto ciò, parliamo della gara canora: avete seguito il Festival? Qual è per voi la canzone migliore in gara? E soprattutto perchè Toto Cutugno non riceve ancora la pensione e se ne sta a casa??! :-)
Dite la vostra, buon Festival a tutti...e forza Toto!!

stralcio da ADNkronos

KAKA' DIVENTA IL CALCIATORE PIU' PAGATO: ECCO LA LISTA COMPLETA

Il sito web portoghese Futebol Finance, specializzato in economia e sport, ha stilato la lista dei giocatori più pagati. Si tratta di cifre approssimative, che non includono i contratti pubblicitari. Al primo posto c'è Ricky Kakà. Secondo il portale lusitano, il Pallone d'oro guadagna 9 milioni di euro l'anno. La seconda posizione è occupata da Ronaldinho, segue Frank Lampard. Primo italiano è Fabio Cannavaro (21esimo) con 5,8 milioni di euro l'anno, segue Luca Toni (22esimo) con 5,5 milioni di euro e Francesco Totti (24esimo) con 5,4 milioni
Questa la lista completa dei primi 30, più altre posizioni di interesse (per ogni giocatore è indicato lo stipendio mensile e annuale):
1. Ricardo Kaka AC Milan 750.000 € 9.000.000 €
2. Ronaldinho Gaucho FC Barcelona 710.000 € 8.520.000 €
3. Frank Lampard Chelsea FC 680.000 € 8.160.000 €
4. John Terry Chelsea FC 680.000 € 8.160.000 €
5. Fernando Torres Liverpool FC 660.000 € 7.920.000 €
6. Andriy Shevchenko Chelsea FC 650.000 € 7.800.000 €
7. Michael Ballack Chelsea FC 650.000 € 7.800.000 €
8. Cristiano Ronaldo Manchester Utd 640.000 € 7.680.000 €
9. Thierry Henry FC Barcelona 640.000 € 7.680.000 €
10. Steven Gerrard Liverpool FC 640.000 € 7.680.000 €
11. Didier Drogba Chelsea FC 615.000 € 7.380.000 €
12. Wayne Rooney Manchester Utd 610.000 € 7.320.000 €
13. Iker Casillas CF Real Madrid 600.000 € 7.200.000 €
14. Michael Owen Newcastle Utd 560.000 € 6.720.000 €
15. Sol Campbell Portsmouth 550.000 € 6.600.000 €
16. Raul Gonzalez CF Real Madrid 535.000 € 6.420.000 €
17. Ruud Van Nistelrooy CF Real Madrid 535.000 € 6.420.000 €
18. Rio Ferdinand Manchester Utd 505.000 € 6.060.000 €
19. Darren Bent Tottenham Hotspur 495.000 € 5.940.000 €
20. Carlos Tevez Manchester Utd 490.000 € 5.880.000 €
21. Fabio Cannavaro CF Real Madrid 490.000 € 5.880.000 €
22. Luca Toni Bayern Munique 460.000 € 5.520.000 €
23. Robinho CF Real Madrid 460.000 € 5.520.000 €
24. Francesco Totti AS Roma 455.000 € 5.460.000 €
25. Arjen Robben CF Real Madrid 445.000 € 5.340.000 €
26. Ryan Giggs Manchester Utd 435.000 € 5.220.000 €
27. Michael Essien Chelsea FC 420.000 € 5.040.000 €
28. Adriano Lima Internazionale 417.000 € 5.004.000 €
29. Zlatan Ibrahimovic Internazionale 417.000 € 5.004.000 €
30. Patrick Vieira Internazionale 417.000 € 5.004.000 €
31. Gianluigi Buffon Juventus FC 417.000 € 5.004.000 €
32. Samuel Eto´o FC Barcelona 417.000 € 5.004.000 €
33. Charles Puyol FC Barcelona 417.000 € 5.004.000 €
38. Alessandro Del Piero Juventus FC 400.000 € 4.800.000 €
43. Juninho Pernanbucano O.Lyon 380.000 € 4.560.000 €
44. David Beckham LA Galaxy 375.000 € 4.500.000 €
45. David Trezeguet Juventus FC 375.000 € 4.500.000 €
48. Gianluca Zambrotta FC Barcelona 375.000 € 4.500.000 €
49. Petr Cech Chelsea FC 360.000 € 4.320.000 €
50. Antonio Cassano Sampdoria 350.000 € 4.200.000 €

URBAN LEGENDS

LA CHIESA STREGATA


La nuova urban legend di questa settimana si occupa di quella che è un'antica storia narrata dai nostri nonni, e che forse loro stessi avevano ascoltato raccontare dai rispettivi avi.

Si tratta della messa mattutina (cioè quella delle 7) del 2 novembre, giornata della commemorazione dei defunti, di un non specificato anno.
La leggenda vuole che in una non meglio indicata chiesa di Grumo (alcuni dicono Monteverde), un'anziana donna si recava come ogni mattina alla messa.
Una volta entrata in chiesa senza farci caso salutava, come suo solito, tutti quelli che incontrava (nei piccoli paesi c'è sempre stata la consuetudine di salutarsi in chiesa); all'improvviso l'anziana signora si rese conto che una delle persone che aveva appena salutato era morta qualche giorno prima e guardandosi bene intorno notò che tutti i presenti in chiesa erano in realtà deceduti tempo addietro. Allora terrorizzata la povera vecchietta in tutta fretta corse via dalla chiesa,gridando frasi a tutti incomprensibili e riportando a quelli che incontrava ciò che era successo nella chiesa stregata.

MORALE: Se potete il 2 novembre evitate lamessa del mattino...soprattutto se a colazione bevete caffè "corretto"!! :-)

Scrivete la vostra versione di questa o di altre storie nei commenti, o inviatele al nuovo indirizzo e-mail fantagrumoblog@libero.it.
Stiamo per pubblicare un pagina interamente dedicata alle urban legends grumesi...a presto.

giovedì 28 febbraio 2008

Grumese:Demola e Pace saltano l'Arpifoggia.

Per le decisioni del giudice sportivo la prossima giornata nella Grumese saranno assenti 2 pedine importanti come Demola e Pace.Non andrà meglio per l'Arpifoggia che non avrà tra i titolari Grieco, Rizzelli e Campanaro.

RISULTATI FANTACALCIO 25^GIORNATA

**FANTAGRUMO**
CLASSIFICA SETTIMANALE
1) Antonio 87,5
2) Vito 75,5
3) Giovanni 72,5
4) Massimo 72,
5) Francesco 70
6) Mimmo 64,5
7) Nicola 62

CLASSIFICA GENERALE
1) Vito 1810
2) Massimo 1806
3) Antonio 1804,5
4) Francesco 1780
5) Mimmo 1770
6) Nicola 1767
7) Giovanni 1750,5

CLASSIFICA CAMPIONATO
1) Massimo 123
2) Vito 111
3) Antonio 103
4) Francesco 91
5) Giovanni 85
6) Nicola 81
7) Mimmo 72

**FANTAROSETO**
CLASSIFICA SETTIMANALE
1) Mimmo 82,5
2) Andrea 70
3) Joseph 63

CLASSIFICA GENERALE
1) Mimmo 1706,5
2) Andrea 1659
3) Joseph 1581,5


CLASSIFICA CAMPIONATO
1) Mimmo 43
2) Andrea 31
3) Joseph 18

Totti illude la Roma
Zanetti salva l'Inter

I giallorossi intravedono la vittoria fino all'88', ma la rete del capitano fissa la sfida scudetto sull'1-1. Nerazzurri in 10 per l'infortunio di Maxwell, espulso Mexes. La squadra di Mancini resta a +9


(da www.gazzetta.it )

L’Inter ringrazia il suo capitano. Un gol di Javier Zanetti a due minuti dalla fine tiene a distanza di sicurezza la Roma, passata in vantaggio con Totti nel primo tempo e in campo con un uomo in più per buona parte del secondo tempo (infortunio di Maxwell con tre cambi già effettuati da Mancini).

Per quanto riguarda gli arbitri, dopo la buona prova di Rizzoli nel derby di Torino, finalmente una giornata positiva.
A San Siro cartellini giusti di Rosetti, visto che Mexes era stato comunque avvertito che era nell'occhio del ciclone, anche se nell'occasione è stato un tantino troppo severo, e a Catania giusti i 3 gol da annullare: Inzaghi e Colucci sono in fuorigioco e Silvestri spinge Bonera. Il rigore per la Lazio c'è; il 3° gol dell'Atalanta non era da convalidare per fuorigioco di Langella 8unico grave errore di una giornata tutto sommato positiva).

mercoledì 27 febbraio 2008

SERIE A, STATISTICHE E RISULTATI: CLICCA QUI

LA GRUMESE CI CREDE:

''RIAPERTO IL CAMPIONATO''

(da http://calcioclub.nicholaus.it )

L’Europa Grumese continua la sua corsa: vince anche sul campo di una squadra ostica come il San Giovanni Rotondo (2-1) ottenendo la terza vittoria consecutiva e rosicchiando punti alla capolista Bitetto, sconfitto sul campo dell’Ascoli Satriano (3-1). Il distacco ora è di soli quattro punti. Entusiasta il patron Saverio Columella : “E’ stata una gara difficile, ma abbiamo dimostrato la nostra forza. Siamo stati capaci di vincere sul campo sia all’andata che al ritorno, in casa loro. Vittoria meritata, abbiamo gestito bene la gara soprattutto grazie ad una grande prestazione di Faccitondo”. Dopo lo svantaggio iniziale, subìto al 30’ del primo tempo ad opera di Siena, la squadra rossoblu riesce a rimontare grazie ad una ripresa quasi perfetta: dopo soli tre minuti Scarola, ancora lui, realizza la rete del pareggio e un quarto d’ora dopo trova il gol del vantaggio firmando la doppietta personale. “Un secondo tempo dominato - sottolinea Columella - Questo campionato è tutt’altro che facile ma con la sconfitta del Bitetto è più che mai riaperto. La loro sconfitta ci può stare anche perché l’Ascoli Satriano è un’ottima squadra, quando giocò contro di noi fu una gara sofferta”. Il prossimo impegno è in casa con l’Arpifoggia.

VOTI UFFICIALI ANTICIPO 25^GIORNATA SERIE A

JUVENTUS-TORINO 0-0


Il derby di Torino finisce 0-0
Rosina traversa su punizione, ma anche 2 miracoli di Sereni

Finisce senza reti la sfida tra Juve e Toro. Granata vicini al vantaggio su punizione. Grandi parate del portiere su Iaquinta, Del Piero e Camoranesi. Annullato al 62' per fuorigioco un gol di Palladino

E' un grande anticipo quello del turno infrasettimanale. A Torino è andato di scena il derby numero 223. La Juventus si è presentata con Palladino sulla destra e la coppia Sissoko-Camoranesi centrali di centrocampo. Novellino ha preferito Recoba a Rosina. Inizio spumeggiante. Al 25' Natali k.o. colpito duro dal suo portiere Sereni. Grande parata del portiere granata su colpo di testa di Iaquinta: è la migliore occasione del primo tempo che si chiude 0-0.
Inizia il secondo tempo con due infortunati per il Torino, Diana (sostituito da Rosina) e Stellone, sanguinante per una botta alla testa. Cresce la pressione Juve. Al 17' gol di Palladino, ma è in fuorigioco. Clamorosa traversa al 28' di Rosina su punizione dal limite. Poi Sereni ancora protagonista su colpo di testa di Camoranesi. Al 92' espulso Nedved. Finisce 0-0.

In un periodo in cui tutta la classe arbitrale viene contestata, c'è da dare onore al merito all'arbitro Rizzoli che ha arbitrato il "derby della mole", che non ha sbagliato praticamente niente e in un contesto molto difficile è riuscito a tenere in pugno una partita che poteva scatenare altri putiferi. Complimenti.

VOTI DE "LA GAZZETTA DELLO SPORT"
JUVENTUS
BUFFON 6
CHIELLINI 7-0,5
LEGROTTAGLIE 6
MOLINARO 5,5
ZEBINA 6
CAMORANESI 6,5
NEDVED 5-1
NOCERINO 6-0,5
SISSOKO M. 6,5
DEL PIERO 6,5
IAQUINTA 5,5
PALLADINO 5,5-0,5

TORINO
SERENI 7,5
COMOTTO 6,5
DELLAFIORE 5,5-0,5
DI LORETO 6,5
LANNA sv
NATALI 6
PISANO M. 6-0,5
BARONE 6,5
DIANA 6
GRELLA 6
ROSINA 6,5
ZANETTI P. 6
RECOBA 5,5-0,5
STELLONE 6

CALCIO:GIANLUCA PAPARESTA PRESTO IN CAMPO


(da http://www.telenorba.it/)
IN PIENA CRISI DI CREDIBILITA',DOPO LE SVISTE DI REGGINA- JUVENTUS,AGLI ARBITRI DI CALCIO ITALIANI PUO' ESSERE UTILE L'ESPERIENZA,RICONOSCIUTA A LIVELLO INTERNAZIONALE,DI GIANLUCA PAPARESTA,L'ARBITRO BARESE ASSENTE DA TEMPO DAI CAMPI DI CALCIO PERCHE' SOTTO INCHIESTA A NAPOLI.
SOSPESO PRECAUZIONALMENTE DALL'AIA ,NONOSTANTE ALTRI ARBITRI ABBIANO CONTINUATO A DIRIGERE GARE BENCHE' COINVOLTI IN SITUAZIONI PIU' GRAVI DELLA SUA, PAPARESTA HA ATTESO PAZIENTEMENTE LA CONCLUSIONE DELL'INCHIESTA GIUDIZIARIA CHE LO RIGUARDA, ED OGGI PUO' LEGITTIMAMENTE ASPIRARE A TORNARE A FARE L'ARBITRO, PERCHE' LA SUA POSIZIONE E' STATA ARCHIVIATA.
SONO STATI GLI STESSI PUBBLICI MINISTERI BEATRICE E NARDUCCI A CHIEDERE L'ARCHIVIAZIONE DELLA POSIZIONE DI PAPARESTA A SUO TEMPO STRALCIATA DALL'INCHIESTA NAPOLETANA SU CALCIOPOLI.
IL GIP LAVIANO HA ACCOLTO LA RICHIESTA,E DA OGGI GIANCLUCA PAPARESTA E' COMPLETAMENTE FUORI DALL'INCHIESTA, OVVIAMENTE PULITO.
IL CHE VUOL DIRE CHE GIA' DA OGGI,IN TEORIA,POTREBBE TORNARE AD ARBITRARE,METTENDO LA SUA ESPERIENZA E BRAVURA A DISPOSIZIONE DEL CALCIO ITALIANO.

lettere a Babbo Natale


martedì 26 febbraio 2008

I GLADIATORI-RESET 13-13



Ecco le formazioni in campo:


INDISPONIBILI:
AntonioB, Pasquale, Vito, Mauro, NicolaA, Gaetano.

Partita molto equilibrata sin dall'inizio, quando i "Reset" vanno in vantaggio con Luigi e "I Gladiatori" pareggiano subito con Donato su assist di Mimmo.
Però rimane sempre un leggero dominio dei "Reset", che riescono sempre ad avere 1-2 gol di vantaggio fino al 4-5.
Solo in quel momento "I Gladiatori" con i gol di Antonio e Mimmo riescono a portarsi in vantaggio per 6-5 e resterà l'unico vantaggio della partita (da segnalare che dei primi 6 gol de "I Gladiatori", ben 4 sono stati messi a segno da Donato, in giornata di grazia sotto porta, che segna anche da portiere!), ma i Reset con MimmoZ e Luigi goleador ritornano in vantaggio 6-7 e riescono ad arrivare sul 10-12 a 10 minuti dal termine. In quel momento Franco, impeccabile anche oggi in difesa, si sposta in attacco, e con i suoi 2 gol si riporta il tutto in parità sul 12-12 alle 20:00.
Decidiamo di giocare altri 5min, e con Luigi i "Reset" vanno ancora in vantaggio, ma proprio allo scadere arriva il pareggio definitivo de "I Gladiatori" che fissa il puntaggio finale sul 13-13.
Prossima gara: mercoledi 12 marzo al solito orario.

Il Bomber Gentiluomo: a un passo dal gol rinuncia per fair play

E' successo a Lucera, in Eccellenza pugliese. L'attaccante Cannarozzi potrebbe insaccare a porta vuota, ma vede un avversario a terra e manda a lato: compagni e avversari lo festeggiano come e più se avesse segnato...

LUCERA (Foggia), 26 febbraio 2008 - In tempi di falli "scientifici", di furbizie assortite e di tonfi plateali soprattutto se in area, succede anche che un attaccante da 25 reti rinunci a segnare in nome del fair play.
E' accaduto in Eccellenza Pugliese, nel big match fra Lucera e Corato: Francesco Cannarozzi, bomber e gentiluomo, al 15' del primo tempo sul risultato di 0-0 ha l'opportunità di segnare, anzi di appoggiare in rete a porta vuota. Ma vede un avversario a terra e cavallerescamente manda il pallone oltre alla linea di fondo mentre gli altri ancora invocano un fuorigioco senza accorgersi che Abbrescia, steso vicino alla linea di porta, tiene in gioco l'attaccante.
Dalle proteste agli applausi, il mutamento è repentino e immediato, e Cannarozzi viene applaudito da compagni e avversari. Ma la classe non è acqua, e tre minuti più tardi siglerà la rete della vittoria dei padroni di casa.

fonte: gazzetta.it

lunedì 25 febbraio 2008

GRANDE COLPO DI SKY ITALIA

Si prende i Giochi 2010-2012

Il gruppo di Rupert Murdoch acquista i diritti per tutte le piattaforme tecnologiche per le Olimpiadi invernali di Vancouver ed estive di Londra. Inizia la ricerca di un partner per la tv in chiaro
Sky Italia trasmetterà le Olimpiadi di Vancouver e Londra.
MILANO, 25 febbraio 2008 - Clamoroso colpo di SkyItalia che si è accordata con il Comitato internazionale olimpico per l'acquisto dei diritti sui Giochi invernali di Vancouver 2010 e i Giochi estivi di Londra 2012. L'accordo comprende i diritti per tutte le piattaforme: tv in chiaro, pay tv, Internet e telefonia mobile. Non disponendo di canali televisivi in chiaro, Sky dovrà cedere parte dei diritti a un altro operatore che potrebbe essere la Rai, storico partner del Cio e colto di sorpresa dalla notizia, oppure Mediaset: in entrambi i casi ci dovrebbe essere l'impegno a garantire una copertura simile a quella avuta per i Giochi precedenti anche perché l'Authority delle comunicazioni ha inserito le Olimpiadi nell'elenco di eventi di interesse nazionale che devono, per taluni eventi, per forza essere trasmessi da canali tv non a pagamento.
LE REAZIONI - La Tv di Stato affida il commento a Massimo De Luca, direttore di Rai Sport ("La Rai farà un'offerta per riacquistare i diritti in chiaro), intanto il sindacato dei giornalisti Usigrai preannuncia una mobilitazione. Invece nella sede di Sky la soddisfazione è alle stelle: "Questo accordo - dice Tom Mockridge, amministratore delegato di Sky Italia - conferma il nostro costante impegno. Garantiremo una copertura senza precedenti, offrendo ai nostri abbonati la possibilità di vedere tutti gli eventi. Interpreteremo al massimo livello lo spirito dei Giochi olimpici, durante lo svolgimento delle due manifestazioni e anche al di fuori del periodo olimpico. Condividiamo con il Cio la volontà e l'impegno di rendere i Giochi disponibili su tutte le piattaforme, garantendo agli italiani la possibilità di assistere sulla tv in chiaro a una copertura comparabile a quella delle precedenti edizioni. Daremo immediatamente il via a colloqui per identificare il miglior partner tra gli operatori della televisione in chiaro con il quale realizzare questo progetto".
PARLA IL CIO - Per il Cio la trattativa è stata condotta dal vicepresidente Thomas Bach, ex schermidore tedesco. "È un accordo fantastico per il Cio e per l'intero movimento olimpico. Sky Italia ha dimostrato un incomparabile impegno per promuovere i Giochi e i valori olimpici, che darà agli appassionati di sport in Italia la possibilità di vedere una quantità di sport mai proposta sinora sull'intera gamma di media digitali e sulla televisione in chiaro".
Personalmente mi reputo deluso ed amareggiato da questo, ormai anche un evento mondiale come le olimpiadi saranno a pagamento...questa è libero mercato o semplicemente la basilare legge economica del MONOPOLIO TELEVISIVO SATELLITARE che solo in Italia può esistere?

stralcio da Gazzetta.it

IL POZZO DEI BAMBINI: FORSE RITROVATI I CADAVERI DEI FRATELLINI DI GRAVINA

BARI (Reuters) - Dopo aver tratto in salvo un ragazzino di 11 anni caduto in un pozzo a Gravina di Puglia, i soccorritori hanno trovato due cadaveri, che secondo gli inquirenti potrebbero essere quelli dei due fratellini Francesco e Salvatore Pappalardi scomparsi nella città nel 2006.
Lo hanno riferito i medici del 118 e fonti della polizia, secondo cui si concretizza l'ipotesi del ritrovamento dei corpi dei fratellini scomparsi il 5 giugno 2006 e per la cui morte è finito in carcere il padre.
Intanto i medici del 118 precisano che le condizioni del ragazzo caduto nel pozzo non sono "gravissime".
"(Il ragazzo) E' codice rosso perché è caduto da (un'altezza di) oltre cinque metri ma non è gravissimo", hanno detto i medici del 118 aggiungendo, che l'11enne ha fratture agli arti inferiori ma non dovrebbe aver riportato un trauma cranico.
Il ragazzino era caduto nel tardo pomeriggio in un pozzo profondo una ventina di metri.
Durante le operazioni di soccorso, durate un'ora e mezza circa, il ragazzino era spaventato, piangeva e continuava a chiedere aiuto, dicono i soccorritori e i testimoni.
Alle operazioni di soccorso hanno preso parte anche gli speleologi dei nuclei Saf (Speleo alpinistica e fluviale) di Bari e di Matera, oltre ai vigili del fuoco e ai carabinieri di Bari.

Nuove patologie:la rabbia juventina!

Era immaginabile e scontata la violenta reazione degli juventini dopo l’arbitraggio a loro sfavore.
Desidero analizzare i fatti, presenti e passati, da un altro punto di vista e il lettore potrà confrontarli secondo coscienza.
Che la Juve sia stata danneggiata sabato sera è innegabile, tuttavia alquanto innegabile e documentato è il danno che le altre squadre hanno subito nell’ultimo decennio ( almeno…) dalle macchinazioni di Moggi e co, danni economici e di immagine. Se infatti sabato l’arbitro ha sbagliato in buona fede o perché voleva rifarsi una verginità dopo i tanti favori elargiti in passato alla Signora, gli arbitri che aiutarono la Juve erano in malafede e il tutto è certificato e documentato.
Gli juventini rispondono dicendo che, stranamente, non sussistono intercettazioni contro l’Inter, dato che telecom è vicina all’Inter, ma questo dettaglio non alleggerisce le colpe della machiavellica direzione dei dirigenti juventini.
Altra storia che sento ripetere ultimamente è che la juve ha pagato e simile ad una prostituta redenta che dopo mille "battaglie" ha la vocazione e vuole diventare suora… ma come ha pagato? Altre squadre per molto meno ( penso al Genoa che nell’ultima partita di B comprò la vittoria) sono finite in C.
Il sistema Moggi non solo decideva arbitri, guardalinee, risultati, ammonizioni ed espulsioni, ma determinava anche vessazioni sui calciatori pressandoli affinchè si trasferissero in società satellite pur di toglierli alla concorrenza.
I torti ricevuti in questa annata dalla Juve non equivarranno mai ai torti subiti dalle altre. Vogliamo parlare del rigore di Ronaldo? Oppure le miriadi di torti arbitrali subite dalla Roma quando Sensi decise di schierarsi contro Galliani e Moggi? Mi fermo qui perché la casistica è enorme. Solo quando si riallineò e votò per Galliani presidente, la Roma non ebbe più decisioni a senso unico, ricordo ancora rigori a favore del Modena all’olimpico o una direzione totalmente a favore dell’Atalanta con un Capello arrabbiatissimo contro la terna arbitrale.
Tale sistema poteva decretare l’uscita di una squadra dalle prime 4 con la conseguenza economiche che il non andare in Champions comportava.
Reggio Calabria poi, agli juventini dovrebbe ricordare anche la scenetta di Paparesta segregato negli spogliatoi, come si può considerare tale gesto se non mafioso?
L’abitudine al raggiro e al vincere ad ogni costo è nel dna della juve, io non ho dimenticato le incriminazioni del dottor Agricola, la creatina e le montagne di farmaci che permisero di trasformare fisicamente i calciatori juventini da fuscelli in Adone, ricordate Vialli alla Samp dello scudetto? Era mingherlino, alla Juve sembrava mastrolindo, idem per Del piero,Ravanelli e compagnia brutta. A Conte ricrebbero persino i capelli… Certo un farmaco non ti farà segnare gol in più o diventare campione, ma se corri a mille e non ti stanchi, hai più lucidità e più possibilità di avere freddezza sotto porta, per non parlare dei maratoneti a centrocampo che possono fare pressing asfissianti… Zeman ha pagato per le sue dichiarazioni, mettersi contro il sistema è in ogni epoca pericoloso. La Juve è uscita indenne da quel processo, e l’assoluzione per mancanza di prove, non equivale ad innocenza.
Quindi, tirando le somme, i nuovi dirigenti della Juve ( nuovi ? non è sempre proprietà della famiglia Agnelli?
) dovrebbero, per rispetto di chi ha subito la loro dittatura in questi decenni, restare in silenzio e non inoltrare ridicole lettere ai dirigenti, chi li ha danneggiati sabato, quante volte li ha favoriti in passato? Gli errori ci stanno, lo avete detto fino al vomito voi per anni, ma stranamente gli errori erano sempre a vostro favore. Non ricordo mai un favore in Roma-Juve, di rigori negati a noi invece a valanga. Alla luce dei fatti sono orgoglioso della mia Roma che batté la Juve di Moggi 4-0, un risultato meritatissimo e solo la cavalleria dei giallorossi non infirì ulteriormente sulla Juve in 10 nel secondo tempo…per la cronaca quell’anno il Milan stabilì record di vittorie con diversi aiutini per la legge dell’alternanza Milan – Juve.
Ora chiedono arbitri stranieri, ma gli italiani non erano i migliori? Chi prendono Moreno?
Cordialmente Ade

CASO ARBITRI: QUALE SOLUZIONE?

DOPO L'ENNESIMA GIORNATA DI POLEMICHE ARBITRALI, COLLINA PENSA DI LASCIARE


Pierluigi Collina, secondo alcune fonti, sta pensando di dimettersi dal suo attuale incarico che lo vede al vertice dell'A.I.A. assieme a Gussoni.
Al di là di quello che farà Collina, quale può essere la soluzione a questa infinita serie di errori arbitrali?
Infatti non è certo Collina che scende in campo e commette errori tanto eclatanti.
Alcune parti, come Galliani e Cobolli Gigli, propongono l'utilizzo di arbitri stranieri ritenuti migliori o forse solo al di sopra di ogni sospetto; altre parti suggeriscono di introdurre la tanto discussa moviola in campo già usata in tanti altri sport.
Cosa ne pensate?
Dite la vostra e partecipate al sondaggio.

RISULTATI FANTACALCIO 24^GIORNATA


**FANTAGRUMO**
CLASSIFICA SETTIMANALE
1) Massimo 81
2) Vito 74
3) Francesco 73,5
4) Nicola 70
5) Mimmo 69,5
6) Antonio 68
7) Giovanni 66

CLASSIFICA GENERALE
1) Vito 1734,5
2) Massimo 1734
3) Antonio 1717
4) Francesco 1710
5) Mimmo 1705,5
6) Nicola 1705
7) Giovanni 1678

CLASSIFICA CAMPIONATO
1) Massimo 120
2) Vito 105
3) Antonio 93
4) Francesco 89
5) Giovanni 81
6) Nicola 81
7) Mimmo 71

**FANTAROSETO**
CLASSIFICA SETTIMANALE
1) Joseph 73
2) Mimmo 69
3) Andrea 63

CLASSIFICA GENERALE
1) Mimmo 1624
2) Andrea 1589
3) Joseph 1518,5

CLASSIFICA CAMPIONATO
1) Mimmo 40
2) Andrea 31
3) Joseph 19

Lettera aperta ai presidenti Figc e Aia
Il presidente e l'amministratore delegato della Juventus si rivolgono alla Federcalcio e all'Associazione Italiana Arbitri il giorno dopo la partita con la Reggina.

Nel corso di questo e del precedente campionato la Juventus ha sempre cercato di attenuare le tensioni nei confronti del mondo arbitrale, evitando di trascendere in polemiche animose e accettando con fair play decisioni anche controverse. Un atteggiamento che, purtroppo, alla luce dei fatti di Reggio Calabria deve essere riconsiderato.

Ancora una volta, nel corso di questa stagione, la Juventus è stata danneggiata in modo irreversibile dalle decisioni del direttore di gara. Il ripetersi di episodi così gravi impone di richiedere un intervento dei massimi organismi federali a garanzia della regolarità del campionato e a tutela dell'impegno e della professionalità dei giocatori, dei tecnici, dei dirigenti della Juventus.

La Federcalcio ha il dovere di vigilare sul rispetto delle regole e di garantire la lealtà della competizione sportiva, messa in discussione dall'inadeguatezza di parte della classe arbitrale. Alcune decisioni dei direttori di gara stanno confermando un dubbio sollevato da più parti: e cioè, che nei confronti della Juventus non vi sia un atteggiamento sereno e adeguato alla serietà con la quale la Società e la squadra affrontano i propri impegni.

Quel che è certo è che la Juventus non può continuare a pagare colpe per le quali ha già scontato una pena estremamente severa e dalla quale si sta risollevando anche grazie alla passione dei propri tifosi, che legittimamente chiedono rispetto.

Oggi, in una fase decisiva del campionato e in prossimità di decisioni strategiche per il futuro finanziario della Società, la Juventus richiede che la Federcalcio prenda provvedimenti immediati ed efficaci per sanare una situazione gravemente compromessa.

Bisogna ritrovare fiducia nella classe arbitrale e ridare slancio al calcio italiano. Un mondo che si basa sulla passione, sull'impegno ma anche su competenze e professionalità che non possono essere frustrate da una componente che si ostina a chiudersi alle novità e a reagire con irritazione alle critiche.

Giovanni Cobolli Gigli
Jean-Claude Blanc

domenica 24 febbraio 2008

GRUMESE CORSARA


La Grumese fa bottino pieno a S.G. Rotondo e con esso riduce il divario dal Bitetto a -4 per l'ennesima caduta della capolista sempre in terra dauna, e dunque campionato riaperto.Inoltre perdono terreno anche il Torremaggiore sconfitto ad opera dell'Arpifoggia e il Modugno che pareggia tra le mure amiche con il Bovino.

I risultati e la nuova classifica:

Arpifoggia-Torremaggiore 2-0

Ascoli Satriano-Bitetto 3-1

Atletico Modugno-Atletico Bovino 1-1

Audace Barletta-Matinum Mattinata 0-1

Margherita Sport-Raffaele Castriotta Manfredonia 2-3

Nuova Andria-Real Barletta 0-0

San Giovanni Rotondo-Europa Grumese 1-2

Toritto-Atletico Foggia 2-1

CLASSIFICA: Bitetto 50; Grumese 46; Atletico Modugno 39; Real Barletta 38; Torremaggiore 35; Arpifoggia 34; San Giovanni R. 33; ascoli 32; Nuova Andria 30; Bovino, Toritto 28; A. Foggia 21; A. Barletta 20; Manfredonia 20; Margherita 17; Mattinata 14.

VOTI UFFICIALI ANTICIPI 24^GIORNATA SERIE A

4 mesi dopo...un'altra Napoli!

Come a Napoli. Peggio che a Napoli. La Juventus torna a perdere una gara di campionato a distanza di quattro mesi dal 3-1 del San Paolo e, proprio come allora, sul risultato pesa una direzione arbitrale discutibile, quella del signor Dondarini.


Ranieri: "Che amarezza
Episodi punta di un iceberg"



Juventini furibondi con l'arbitro Dondarini dopo il k.o. di Reggio: "Tutta la conduzione di gara non ci è piaciuta" dice il tecnico. Cobolli Gigli: "Si sono ripetute le vicende di Napoli. Abbiamo il diritto di poter giocare il nostro campionato per i valori che esprimiamo sul campo". Legrottaglie: "C'erano 3 rigori per noi, ce ne siamo accorti, non siamo stupidi"

Si è ripetuta la stessa situazione già vista a Napoli in occasione di Napoli-Juventus con Bergonzi. Un arbitro ancora sotto inchiesta che fischia per tutta la gara a senso unico. Tutti gli addetti ai lavori nel post-partita erano d'accordo: "La Juventus sta pagando le conseguenze degli scandali accaduti negli anni passati!".


EPISODIO 1:
Sul risultato di Reggina-Juventus 1-0 nel 1°tempo il difendente reggino Aronica abbraccia da dietro Nedved in area di rigore e poi lo affossa, prendendolo per maglia sul petto, come se gli volesse abbottanare una camicia. Completamente affossato, non avrebbe mai potuto prendere il pallone. L'arbitro Dondarini sorvola.


EPISODIO 2:
Sul risultato di Reggina-Juventus 1-0 nel 2°tempo, discesa in area di rigore di Sissoko, che scarta un avversario, riesce ad anticiparlo togliendogli il pallone davanti ai piedi, e il difendente Valdez (sempre lui) colpisce in pieno la sua gamba destra. RIGORE TUTTA LA VITA, ma per Dondarini non è ancora niente.
La cosa più assurda è il fatto che su quell'azione il pallone finisce sulla fascia destra a C.Zanetti, e sembra che l'arbitro stia per fischiare un rigore per la Juventus, ma poi col braccio sinistro sembra che dia il vantaggio! SCANDALOSO! Anche i bambini sanno che il Regolamento prevede l'assenza di vantaggio su un calcio di rigore, appunto perché il rigore è già di per sé un vantaggio per la squadra che sta attaccando.
La stessa cosa vale per un fallo al limite dell'area di rigore. Per 2 volte Dondarini al limite dell'area reggina concede un vantaggio ai juventini, quando sappiamo benissimo tutti che per la Juventus e per Del Piero una punizione al limite dell'area supera qualsiasi tipo di vantaggio!
Inoltre l'arbitro Dondarini non espelle Valdez in più occasioni, visto che, già precedentemente ammonito, si rende colpevole in più occasioni di falli da tergo du Del Piero. Inoltre i difensori reggini hanno picchiato per tutta la partita gli attacanti juventini, ma l'arbitro non li ha mai ammoniti!


EPISODIO 3:
Su un cross dall fascia sinistra , Camoranesi si avventura in un colpo di testa che sembra andare nell'angolo della porta difesa da Campagnolo, ma a un certo punto spunta un braccio del difensore reggino, evidentemente molto largo, che devia il pallone in calcio d'angolo. Nemmeno a dirlo, per Dondarini non è rigore.


EPISODIO 4:
Al 90', sul risultato di 1-1, altro braccio largo nel difensore reggino Aronica, tutto l'attacco della Juventus vede il fallo di braccio (alzano il braccio in 5 per protestare), ma Dondarini non vede niente ancora!!


EPISODIO 5:
Al 91', cross dalla fascia destra reggina, Sissoko tenta una rovesciata in area di rigore e Amoruso gli frana addosso (guardando bene le immagini, Sissoko non guarda Amoruso, che invece appena capisce che il difendente juventino sta per effettuare una rovesciata gli va incontro e fa in modo tale che la gamba di Sissoko, oramai in volo, lo colpisse sulla spalla. Inoltre Amoruso mai sarebbe potuto arrivare su quel pallone). Potrebbe starci tranquillamente "gioco pericoloso" di Sissoko (calcio di punizione indiretto per la Reggina), ma per Dondarini è il rigore che decide la partita! Amoruso inoltre nell'episodio rimane 3 minuti a terra, ma poi per miracolo si rialza e batte lui stesso dal dischetto, segnando il gol partita!!! RECITA IL REGOLAMENTO CHE IL GIOCATORE A CUI SI E' PRESTATA ASSISTENZA MEDICA PROLUNGATA (AMORUSO NEL CALCIO DI RIGORE) DEVE USCIRE DAL CAMPO E RIENTRARE, A GIOCO RIPRESO, SU ORDINE DEL DIRETTORE DI GARA. IN QUELLA OCCASIONE IL GIOCO E' RIPRESO QUANDO SI E' BATTUTO IL RIGORE, ERGO AMORUSO NON POTEVA BATTERLO PERCHE' A TERMINI DI REGOLAMENTO DOVEVA ESSERE FUORI. LA JUVENTUS PER QUESTO POTREBBE CHIEDERE ANCHE LA RIPETIZIONE DELLA GARA PER ERRORE TECNICO, COME DA REGOLAMENTO!...!!SCANDALOSO.



Ora ci si chiede come mai Palazzi non apra un'altra inchiesta?!
O le apre solo quando dice lui?
Ora forse è in ferie?! Voglio ricordare che dopo Napoli-Juventus l'arbitro Collina andò in una trasmissione Rai ammettendo che l'arbitro Bergonzi aveva sbagliato.
Vedremo se la sceneggiata si ripeterà di nuovo...nel frattempo la Juventus continua a perdere punti per colpa di ingiustizie!!
Quattro sviste Arbitrali mi sembrano un po troppo senza contare una direzione per novanta minuti discutibile su tutti i fronti (falli,Cartellini.ecc.) Ora che succederà? Collina sospenderà Dondarini per qualche turno come fece con Bergonzi?! Cosa significa? Chi restituirà il mal tolto alla Juve?
E' successo esattamente lo stesso SCANDALO di Reggina-Juventus 2-1 di qualche anno fa, con arbitro Paparesta (che poi fu chiuso nello spogliatoio del "Granilli").
Poi non si capisce perché l'arbitro abbia dato 5 minuti di recupero e poi fischia la fine al 4'20".
CLAMOROSO!!

Oggi al TG5 Aldo Biscardi ha detto:
"SICURAMENTE QUESTO E' IL CAMPIONATO PIU' FALSATO DELLA STORIA DEL CALCIO ITALIANO!!"


Ora Collina dovrebbe spiegare alcune cose:
1-Perche' nonostante Dondarini fosse implicato in Calciopoli è ancora lì a scorrazzare e far danni nei campi da gioco?
2-Perche' dopo fallacci ai danni di Palladino (linea laterale) e Del Piero (Cascione a metà campo) non estrae un cartellino?
3-Perche' non ammonisce Nedved se crede che non sia rigore?!
4-Perchè non ammonisce Sissoko se crede che abbia simulato? O peggio se concede il vantaggio è ridicolo perche' quale vantaggio migliore c'è se non un calcio di rigore?
5-Perchè quando un difendente allarga il braccio in modo scomposto colpendo il pallone in area di rigore non si dà il rigore?
6-Perchè dopo tutto questo fischia un rigore dall'altra parte molto dubbio?! (Mentre lo juventino cerca la palla in rovesciata si vede che al reggino della palla non interessa niente e va a cercare di schiena il contatto)
7-Ma soprattutto perchè guarda la palla che va in rimessa laterale e dopo 4 secondi fischia il rigore?
8-Se Dondarini era così sicuro del rigore perchè non espelle Legrottaglie che gli mette le mani addosso?
9-Perchè fischia la fine 40 secondi in anticipo?!
10- Perché quando Del Piero sulla fascia "sotto" l'assistente numero 1 ha chiesto più volte all'arbitro il conteggio dei passi per la distanza della barriera su un calcio di punizione l'arbitro ha rifiutato?!
11- Perché tra un mese saremo costretti a ritrovarci in campo un arbitro incompetente come già successo con Bergonzi?
ATTENDIAMO TUTTI CON ANSIA LE RISPOSTE DI COLLINA!

JUVENTUS
BELARDI 6-2
CHIELLINI 6,5
GRYGERA 5-0,5
LEGROTTAGLIE 5,5
MOLINARO 6
CAMORANESI 6,5
NEDVED 6,5
SALIHAMIDZIC 6,5
ZANETTI 6-1
SISSOKO M. 5,5
DEL PIERO 6,5+3
PALLADINO 5

REGGINA
CAMPAGNOLO 5-1
ARONICA 6,5
LANZARO 5,5-0,5
MODESTO 6,5
VALDEZ 5
CIRILLO 6
COSTA sv
BRIENZA 7+2,5
CASCIONE 5,5
TOGNOZZI 6
VIGIANI 6
BARRETO E. 6,5
AMORUSO 6,5+2,5
MAKINWA sv


TORINO
SERENI 6-4
COMOTTO 5,5
DI LORETO 5,5
NATALI 6+3
PISANO M. 5 (forse gli danno l'assist sul 1°gol di Stellone)
CORINI 5
DIANA 5,5-0,5
LAZETIC 5
ROSINA 6,5
ZANETTI P. 6
DI MICHELE 6+3
RECOBA 6
STELLONE 8+7
VENTOLA 6

PARMA
BUCCI 6-4
CASTELLINI 6
COUTO 5
FALCONE 5,5
CIGARINI sv
GASBARRONI 8+5,5
MORFEO sv
MORRONE 6,5+3
PARRAVICINI 6
PISANU 6
ZENONI D. 5,5
MARIGA 7 +1
BUDAN 6+3
CORRADI 5

JUVE, BEFFA E RABBIA. TORO-PARMA SPETTACOLO.

Rabbia Juve: "Così non va"



Bianconeri furibondi per l'arbitraggio di Dondarini. Ranieri contesta non solo il rigore ma l'atteggiamento globale del direttore di gara, Cobolli Gigli reclama che vengano presi dei provvedimenti dalla federazione
Il rigore decisivo di Amoruso, ma non solo, ha fatto infuriare la società bianconera, che per bocca del tecnico Claudio Ranieri e del presidente Cobolli Gigli alza la voce in segno di protesta per l'operato dell'arbitro a caldo dopo la sconfitta di Reggio Calabria.
"Siamo tutti amareggiati e non solo per i rigori. Si tratta di tutta la partita. E' tutta la conduzione che non ci è piaciuta. Siamo sconfortati" ammette Ranieri, che poi reincara la dose: "Non vado a commentare i rigori dati o non dati. Non solo gli episodi da rigore fanno parte dei 90 minuti. Tutto. I tre episodi sono solo la punta dell'iceberg. Le sensazioni sono che i tre o quattro rigori fanno parte di tutta la serata".

Ancora più duro è il presidente Giovanni Cobolli Gigli, al quale questo post ricorda tremendamente quello di Napoli: "Vengo a parlare proprio perchè credo che si sia ripetuto quello che è successo a Napoli - dice Cobolli Gigli - La Juventus non osa dare giudizi sugli arbitraggi. Adesso però la Federazione e i direttori degli arbitri credo che debbano fare una forte presa di coscienza, perchè al di là del fatto che si possa sbagliare, in alcuni casi gli errori sono stati molto ripetuti. Questa è la nostra opinione. E' stata una bellissima partita, un'ottima Reggina, un'ottima Juventus. Per me la Juventus doveva vincere oggi sul campo, e avendo rivisto gli episodi con tranquillità, con la stessa tranquillità ma con fermezza invoco una forte presa di coscienza perchè così non si può andare avanti".

"Evidentemente - attacca Cobolli Gigli - quest'oggi l'arbitro non è stato al livello della situazione, però è un episodio che si ripete per la Juventus ma anche per altre società. A questo punto io devo interpretare il sentimento della squadra e della società. La Federazione deve prendere provvedimenti nei confronti di questi arbitri che a mio avviso, anche se in buona fede, sbagliano troppo. A questo punto, ci vuole una forte presa di coscienza e cercare di prendere dei provvedimenti perchè a mio avviso sbagliano troppo. Io non credo che ci sia una volontà di fare pagare la Juventus, piuttosto che la qualità degli arbitraggi debba essere analizzata con attenzione".
Nicola Legrottaglie aggiunge:"È stato veramente brutto perdere così. Non solo non abbiamo vinto, ma abbiamo perso. Quando un arbitro sbaglia, si cerca di collaborare provando a fargli capire che ha sbagliato, ma oggi l'errore finale era lampante, da sprovveduto. In campo ci siamo accorti che c'erano 3 rigori per noi, non siamo stupidi. E poi è arrivato quel rigore contro".

Pareggio spettacolo tra Torino e Parma:i granata vanno in vantaggio, subiscono 4 gol ma poi rimontano e rischiano addirittura di vincere. Grandi protagonisti Stellone e Gasbarroni con una doppietta, decisivi nella ripresa gli ingressi di Di Michele e Recoba.

Eurosport.it e Gazzetta.it

sabato 23 febbraio 2008

1a CATEGORIA: 22a GIORNATA

Programma ed arbitri

Arpifoggia-Torremaggiore (Piazzolla di Barletta)

Ascoli Satriano-Bitetto (Stamerra di Taranto)

Atletico Modugno-Atletico Bovino (Pellegrini di Barletta)

Audace Barletta-Matinum Mattinata (Palombella di Taranto)

Margherita Sport-Raffaele Castriotta Manfredonia (Mauro di Bari)

Nuova Andria-Real Barletta (Fornaro di Taranto)

San Giovanni Rotondo-Europa Grumese (Lanotte di Barletta)

Toritto-Atletico Foggia (Di Tondo di Barletta)


Dopo la vittoria nel derby la Grumese è chiamata a rispondere all'insidiosa trasferta sul campo del S.G. Rotondo. Insidiosa per tanti motivi, non solo per la partita dell'andata, ma anche perchè nelle ultime giornate i foggiani si sono rifatti sotto andando a vincere sul terreno del Torremaggiore.Non saranno del gruppo il capitano Lamberti e Gentile per squalifica.





OSPEDALE DI GRUMO: UN FUTURO UGUALE AL PRESENTE

L'ASSESSORE REGIONALE ALLA SANITA' CONFERMA L'ATTUALE SISTEMAZIONE




Giovedì sera si è tenuto, presso la sala della cultura del Municipio, un incontro riguardante il futuro dell'ospedale di Grumo Appula. Tra i partecipanti vi erano le autorità comunali e l'assessore regionale alla sanità Alberto Tedesco; l'incontro si è prolungato di molto oltre i tempi previsti grazie anche al dibattito che si è venuto a creare tra i presenti.
Tirando le somme, l'assessore Tedesco ha confermato l'attuale organizzazione a livello regionale del sistema sanitario che allo stato attuale punta ad avere un ospedale di eccellenza ogni 500.000 abitanti, lasciando il minimo indispensabile alle altre strutture ospedaliere in zona; pertanto ha lasciato trapelare l'intenzione da parte dell'amministrazione regionale di non effettuare alcun intervento nè di espansione e nè di taglio sull'attuale organizzazione della ASL grumese.
Cosa ne pensate? E' giusta la politica tenuta dalla Regione Puglia a riguardo del nostro ospedale? Dite la vostra.

venerdì 22 febbraio 2008

YNGWIE MALMSTEEN- il Paganini della chitarra



YNGWIE MALMSTEEN
Approfitto del blog per parlare e far conoscere ai più Yngwie Malmsteen, uno tra i miei chitarristi preferiti.
Nato in Svezia nel 1963, comincia sin da piccolo (come tutti i grandi) a suonare la chitarra influenzato da Hendrix e Ritchie Blackmore dei Deep Purple.
La particolarità del suo rock nasce dal connubio tra metal e la musica classica di maestri come Paganini, Albinoni, Vivaldi e Mozart, da cui emerge una visione violinistica dello strumento.
Emblematiche le copertine dei suoi album dove, ringrazia i sopracitati maestri ed Enzo Ferrari creatore delle Ferrari tanto amate dallo svedese. La chitarra con la quale suona è una Fender Stratocaster " Yngwie Malmsteen model" bianca avorio, sul cui retro orgogliosamente campeggia un adesivo del cavallino rampante.
Il suo classic-metal rock è caratterizzato dal virtuosimo eseguito alla velocità della luce e vederlo dal vivo è un estremo piacere per gli amanti della chitarra.
Appena ventenne è già famoso quale metal guitar hero, in quegli anni forma la formazione dei Rising Force. I primi album rivoluzionano il modo di suonare la chitarra e nuovi cloni nasceranno copiandone lo stile.
Brani come Black Star, Far beyond the sun, Icarus dream suite contengono l’intero arsenale malmsteeniano, dalle composizioni intrise di strutture neo-classiche e barocche miste a riff rock, ai solo straripanti di fulminee scale minori armoniche, diminuite, arpeggi su triadi minori, tapping misti a passaggi in legato, pivoting, fughe e sequenze bachiane.
Gli album successivi diventano più commerciali, lo stile vende bene soprattutto in Europa e Giappone e Trilogy nel 1986 entra nella top 50 americana.
Tuttavia chitarristicamente Yngwie comincia a ripetersi e un incidente stradale con la sua Ferrari causa la rottura di alcuni tendini della mano che mette a repentaglio la carriera.
Guarito dai suoi malanni, riprende la sua attività ed è da ricordare il suo perfezionismo, infatti prima di ogni album crea ex novo la formazione, sottoponendo i musicisti che lo richiedono a massacranti provini, il tutto per scegliere il migliore bassista, batteristi, tastierista e cantante in grado di poter suonare al meglio ciò che aveva in mente di fare.
Assolutamente da non perdere la sua partecipazione al g3 con due altri mostri sacri del rock : Steve Vai e Jo Satriani, dove i tre fucilieri fanno a gara per essere il migliore, gara vinta da Yngwie in quanto a presenza scenica e virtuosismi, Steve Vai prevale in quanto a fantasia e ipnotizza il pubblico con i suoi musicisti di spalla, Jo Satriani presentatore della serata, non delude le aspettative, dimostrando di essere sempre maestro dell’innovazione melodica e della tecnica . Nella parte finale del concerto tutti e tre cantano una canzone storica del rock a turno, dimostrando di avere anche delle belle tonalità vocali.
Per chi comincia l’approccio ad uno straordinario strumento chiamato chitarra ( il mio preferito) consiglio di scaricare
qualche lezione di Yngwie affinchè possa spronarli al duro compito e modello per la perfezione da raggiungere.





giovedì 21 febbraio 2008

UNA SQUADRA DI PROSTITUTE DIVENTA UN FILM



Vilma, Valeria, Mercy sono fra le protagoniste del documentario che andrà in onda stasera su Rai3: racconta la storia delle "Estrellas de la linea", un gruppo di ragazze guatemalteche che giocano a pallone per denunciare la loro condizione

I rumori che sentono Vilma, Valeria, Mercy e le loro colleghe non sono quelli degli inni nazionali, o della marcetta che accompagna l'inizio di ogni partita di Champions League. Giocano a calcio per denunciare la loro condizione. Sono prostitute: o meglio, le "estrellas de la linea", le stelle della linea (ferroviaria), protagoniste di un documentario che stasera andrà in onda su Rai 3 alle 23.30.
LA STORIA - Questo film del 2006 è diretto da Chema Rodriguez, e parla di un gruppo di lucciole che vivono in uno dei quartieri più pericolosi di Guatemala City, la stazione, guadagnando tre euro a prestazione. Un posto dove i soprusi sono all'ordine del giorno, e per questo le ragazze decidono, al fine di attirare l'attenzione sulle loro condizioni, di costituire una squadra di calcio. Si iscrivono a un campionato dilettantistico, da cui però ne vengono escluse quasi subito per motivi "morali". Fine del sogno? Neanche per idea: partono per un tour che attraversa il Paese e varca anche i confini nazionali. Solo allora le coscienze si smuoveranno.
A BERLINO - Delle 250 ore di pellicola ne sono stati estratti, alla fine, circa 90 minuti. Il film ha partecipato al Festival di Berlino riscuotendo un grande successo, con tutte e tre le sale di proiezione stracolme di spettatori; alcuni di questi, seduti anche per terra, pur di vederlo. Erano presenti anche gli ambasciatori guatemaltechi in Germania che, commossi, dopo la fine del documentario sono andati a parlare con il regista.
PAROLA DI CHEMA - "Perché abbiamo realizzato il film? Perché la prostituzione non deve essere considerata un delitto - ha detto il regista, Chema Rodriguez -. Se questo mestiere esiste, significa che c'è una domanda. Essendo una pratica clandestina, però, capita di incontrare dei delinquenti, che non hanno rispetto delle prostitute. Il film è dedicato a Vilma, Valeria, Mercy e alle altre ragazze, la cui unica colpa, se vogliamo, è stata quella di lottare in un mondo ostile, che le criminalizza". Per il resto, buona visione.

da Gazzetta.it

Il giudice sportivo

Campionato di Prima categoria

--- GARE DEL 17/ 2/2008 ---

Preannunci di reclamo

Gara ATLETICO MODUGNO - ASCOLI SATRIANO del 17/ 2/2008

Preso atto del preannuncio di reclamo da parte della Societa' A.S.D. ASCOLI SATRIANO si soprassiede ad ogni decisione in merito. Nel relativo paragrafo, di seguito, si riportano i provvedimenti disciplinari assunti a carico di tesserati per quanto in atti.

Provvedimenti disciplinari

In base alle risultanze degli atti ufficiali sono state deliberate le seguenti sanzioni disciplinari.

A carico di società

Ammende

€ 500 MATINUM

Propri sostenitori durante la gara lanciavano oggetti, pietre e sputi contro i calciatori ospiti, senza colpire. Nel contempo i medesimi sostenitori davano fuoco ad un tronco di legno posizionato fuori dal recinto di gioco.

€ 200 EUROPA GRUMESE

Per presenza di persone estranee nei pressi dello spogliatoio (RECIDIVA)(cfr.referto commissario di campo)

A carico di dirigenti

Inibizione a svolgere ogni attivita' ai sensi art.19 C.G.S. fino al 21/ 3/2008 al sig. MASCIELLO MICHELANGELO (ATLETICO BOVINO)

A carico di calciatori

Espulsi dal campo

Squalifica per sei gare effettive

LAFRONZA DOMENICO (Atletico Modugno)

Al termine del 1° tempo nel tratto prospicente agli spogliatoi colpiva un calciatore avversario con un colpo alla nuca provocandone la perdita di conoscenza per qualche istante.

CATALFAMO MICHELE (Raffaele Castriotta)

Teneva comportamento gravemente irriguardoso nei confronti del Direttore di Gara che poi spingeva con veemenza ma senza conseguenze.

Squalifica per due gare effettive

NETTI ANTONELLO (Alberobello)

Squalifica per una gara effettiva

GLORIOSO SALVATORE (Bitetto)

SEMERARO VITO (Cisternino)

FISCHETTI LUIGI (Matinum)

OGNISSANTI FAUSTO (Matinum)

TOTARO LUCA (Matinum)

TORTORA MICHELE (Nuova Andria)

MANGANO NICOLA (Raffaele Castriotta)

TOTARO MIRKO (Torre)

Non espulsi dal campo

Squalifica per una gara effettiva per recidivita'in ammonizione (VIII infr)


MAFFEI PASQUALE (Atletico Modugno)

FACENDOLA SALVATORE (Avanti Delfini Altamura)

SALAMINA DOMENICO (Casamassima)

DE GIORGI DIEGO (Frigole)

STANTE GIUSEPPE (Maruggio Calcio)

SCIMENES DOMENICO (Torremaggiore Calcio)


Squalifica per una gara effettiva per recidivita' in ammonizione (IV infr)


SALAMIDA GIUSEPPE (Alberobello)

FESTA MATTEO (Arpifoggia)

SPAGNOLI ANSELMO (Atletico Foggia)

MAFFEI RAFFAELE (Atletico Modugno)

LAGUARAGNELLA ROBERTO (Bitetto)

GENTILE ROCCO (Europa Grumese)

LAMBERTI MICHELE (Europa Grumese)

CARLA GABRIELE (Fiamma Sportiva Monteroni)

SAVINA ALESSANDRO (Fiamma Sportiva Monteroni)

MARFEO NICOLA (Fibal Pulsano 2000)

GRECO OSCAR (Frigole)

GALLO STEFANO (Grecia Salentina)

PIANO LIVIO (Lorenzo Mariano)

MARTIRE ANTONIO (Otranto)

VITTORIONE VITO GIOVANNI (Putignano Calcio)

FRANCAVILLA MICHELE (Real Barletta)

GRASSI ANGELO (S.Vito)

MICELI GIOVANNI (S.Vito)

VALENTE SALVATORE (S.Vito)

PANZAREA LEONARDO (Santeramo)


mercoledì 20 febbraio 2008

URBAN LEGEND - LA CASA DI ALMUNIA INFESTATA DAI FANTASMI

Il portiere dell'Arsenal, è al centro di una storia che ha dell'incredibile. Secondo quanto racconta lui stesso, infatti, la casa in cui vive con la moglie è infestata dai fantasmi


Come avrete sicuramente notato, nella partita Arsenal-Milan di Champions League tra i pali dei londinesi c'era il vice-portiere Lehmann.
A quanto pare il portiere titolare Manuel Almunia era assente per un infortunio.
Ma secondo alcune fonti, sembrerebbe che il portiere Almunia non dorma più da diverse notti perché soffrirebbe di insonnia.
Infatti l'estremo difensore dei 'gunners' ha raccontato di come la moglie abbia avvistato lo spettro di un monaco nei pressi della loro abitazione, costruita vicino ad un vecchio ospedale psichiatrico.
Almunia ha poi spiegato che nella casa sono avvenuti altri 'fenomeni paranormali': inspiegabili rumori di catene e impianti stereo che sparano musica a tutto volume senza che nessuno li accenda. Per questo motivo il portiere spagnolo ha chiesto al tecnico dell'Arsenal, Arsene Wenger, il permesso di tornare a casa per pranzo per non lasciare sola la moglie Ana. "La mia è una casa piccola - ha detto Almunia al tabloid 'The Sun' -, ma girano molte storie e, a quanto pare, riguardano la presenza di fantasmi. Qui prima c'era un ospedale psichiatrico, il Leavesden Hospital. Ci mandavano pazienti con problemi mentali, e persone che si erano ammalate durante la II Guerra Mondiale".
Fonti: http://www.repubblica.it/news/sport_gen/sport_n_2921519.html
http://it.eurosport.yahoo.com/19022008/45/champions-league-fantasma-in-casa-almunia.html

URBAN LEGEND- I LUPIMANNARI –

(a cura di Adenero)

Ho apprezzato tantissimo questa nuova sezione delle leggende paesane e desidero dare il mio contributo. Ma mi chiedo, saranno in realtà solo leggende o c’è un fondo di verità?
La storia che vi racconterò ha come tema centrale la licantropia, è un tema che mi ha sempre affascinato, anche se per il vampirismo provo un amore viscerale; amore che è incrementato dopo aver visto il film : “ intervista col vampiro”, consiglio vivamente a chi non lo avesse fatto di vederlo, dato che non è il solito stupido film horror…
Ma, per tornare al tema centrale, fin da piccolo ho sentito tante storie su i lepomen , è strano come già da piccoli ci si lasci ammaliare da storie dell’orrore.
La tradizione grumese dedica ampio spazio ai licantropi paesani, con tanto di nomi e soprannomi, non ricordo più i nomi ma, conoscenti e parenti facevano menzione di chi era malato di licantropia. Incontrare un lupo mannaro per strada, di notte, non deve essere una cosa bella, pensavo nella mia testa fantasiosa e chiedevo i rimedi ed eventuali scappatoie.
Correre non serviva a nulla, ma bisognava salire tre gradini e gridare a muso duro : siamo compari di San Giovanni, in tal modo si frenavano gli istinti del lipomene e se ricordo bene, bisognava anche pungerlo con uno spillone, al che io pensai bene di mettermi una spilla da balia in un porta-oggetti della mia bicicletta, dato che mi piaceva scorrazzare di sera.
La gente affermava, all’epoca, che a venti metri da casa mia, abitava un lupo-mannaro.
Di giorno guardavo con terrore il tizio uscire di casa, non osavo salutarlo, ma mi sembrava molto tranquillo, tuttavia di notte si trasformava e sua madre Luigina era costretta a rinchiuderlo in una stanza priva di mobili perché altrimenti li avrebbe distrutti, così raccontava la gente del vicinato.
Molti erano pronti a giurare di averne sentito gli ululati di notte. Non potete immaginare la cacazza che invadeva noi bambini. Per provare il nostro coraggio eravamo soliti giocare a nascondino nelle calde sere estive dalle 21 in poi e la tana era accanto alla sua porta, chi doveva nascondersi controllava da lontano il comportamento di chi stava sotto per valutarne il coraggio e lo si sfotteva con ululati da lontano.
Un vecchio aneddoto risalente agli anni’70, raccontatomi da mio conoscente, aveva come scena del delitto la fontana situata davanti al mercato ortofrutticolo, era notte e questa persona, in macchina notò un branco di cani nelle vicinanze della fontana, al centro del branco c’era un noto licantropo del paese accucciato che ululava con i cani.
Mi sia concessa una divagazione…
Erano bei tempi quelli in cui, in mancanza delle playstation, i bimbi ascoltavano con piacere le storie raccontate dai nonni e parenti, i giochi si svolgevano all’esterno delle case e si andava a scuola elementare e media a piedi e non accompagnati dai genitori in macchina con merendina al seguito, ma questa è un’altra storia…
Bene, avrei terminato, chi vuole può arricchire il corollario degli aneddoti.
Au revoir- Adenoir

OSPEDALE DI GRUMO: CHE NE SARA'?

APPUNTAMENTO PER GIOVEDI' 21 FEBBRAIO ALLE 17 NELLA SALA DELLA CULTURA PRESSO IL MUNICIPIO

Domani pomeriggio alla presenza del sindaco, delle altre autorità comunali e dell'assessore regionale alla sanità Alberto Tedesco si discuterà di un tema da tempo dibattuto: che fare del presidio ospedaliero di Grumo Appula?
Dopo i tagli dell'amministrazione Fitto che ha lasciato alla A.s.l. locale pochissimi e mal "forniti" reparti, ci saranno ulteriori tagli o si potrà puntare ad un rilancio dell'ospedale?
La parola ai politici ed a voi utenti di Fantagrumo; cosa ne pensate? Come vi comportereste nei panni delle autorità competenti? Dite la vostra.

martedì 19 febbraio 2008

Champions League
Inter, tonfo a Liverpool
Grinta Roma, Real ko

Milan resiste all'assedio Arsenal
(da www.libero.it)

Gli inglesi vincono 2- 0, segnano Kuyt e Gerrard nel finale

Maledizione Champions per l'Inter, sconfitta 2-0 a Liverpool nell'andata degli ottavi di finale. Gli inglesi vanno in vantaggio con Kuyt all'85', il cui tiro e' deviato da Maicon e supera Julio Cesar. Il raddoppio arriva all'90' con un gran tiro dalla distanza di Gerrard, che si infila nell'angolo sinistro della porta interista. Dal 30' del primo tempo l'Inter ha giocato in 10 per il rosso - doppio giallo - assegnato discutibilmente a Materazzi.


Segna Raul, poi la rimonta giallorossa con Pizarro e Mancini
La Roma va in svantaggio, soffre, ma alla fine riesce a battere 2-1 il Real Madrid nell'andata degli ottavi di Champions. All'8' apre le marcature Raul, che devia un tiro da fuori di Guty, a conferma di un Real piu' intraprendente e di una Roma timorosa. Raul sfiora il raddoppio, servito da un ottimo Robben. Al 24' pero' Pizarro pareggia sfruttando un rimpallo in area. Al 58' Totti regala un assist a Mancini che non sbaglia. Palo del Real con Van Nistelrooy all'80'.

Inferno Arsenal, ma il Milan si aggrappa allo 0-0. Traversa di Adebayor al 94'
Nonostante le reti bianche, gara ricca di emozioni all'Emirates Stadium con gli uomini di Wenger pericolosi a ripetizione con Adebayor (traversa nel finale), Fabregas e Eduardo.
La risposta del Milan è affidata a Kakà e a Pato ma non dà gli effetti sperati. Alla fine risultato fermo sullo 0-0, che tieni in bilico la qualificazione.

I GLADIATORI-RESET 13-12



Ecco le formazioni di inizio gara.


Indisponibili: Mauro, Pasquale, AntonioB.

Andiamo alla cronaca della partita.
Serata non freddissima come nei giorni scorsi (c'erano 8 gradi, mentre 2 sere fa si arrivava fino allo zero) e partita che subito si accende.
Dopo 5 minuti "I Gladiatori" sono già in vantaggio per 3-0 grazie ai gol di Donato, Franco e FrancescoD, dopo una bella azione corale.
Ma i "Reset" non ci stanno, e iniziano a manovrare bene a centrocampo e a rendersi pericolosi, ma grazie a Franco "I Gladiatori" riescono a mantenere il vantaggio.
Ma dopo un quarto d'ora d'assedio dei "Reset", arrivano i gol di Luigi, MimmoZ e Vito che riportano il tutto in parità.
Da allora in poi la partita resta quasi sempre in equilibrio, con un leggero vantaggio de "I Gladiatori", che riescono con i gol di Mimmo e Donato a tenere sempre a distanza gli avversari di 1-2 reti.
Così si arriva al 5-3, poi 5-4, 6-4, 6-5, 7-5, 7-6, 7-7.
I "Reset" fanno di tutto per portarsi finalmente in vantaggio, ma non ci riusciranno mai, perché "I Gladiatori" in difesa oggi erano quasi insuperabili (soprattutto grazie alle parate di FrancescoB e gli interventi difensivi di FrancescoD e soprattutto di Franco).
Anche i "Reset" in difesa con Massimo e NicolaA reggono bene, e per questo la partita è povera di gol, e molto combattuta.
Però a mezz'ora dalla fine "I Gladiatori" riescono a fare il break e ad allungare fino a 3 reti di scarto (10-7) e da allora in poi diventano irraggiungibili.
I "Reset" segnano ancora e si riportano sul 10-8, ma "I Gladiatori" mantengono sempre le distanze fino al 13-10.
Finale arrembante dei "Reset" che non ci stanno a perdere, con gol-fantasmi per entrambe le squadre, e il risultato finale e definitivo è 13-12.
Partita terminata alle 20:10 per l'incombere della partita di Champions Liverpool-Inter (forse era meglio che non se la vedevano la partita...visto poi il risultato!).
Prossima partita: martedi 26 febbraio al solito orario.

SANTINO PORTA-FORTUNA DI RONALDO

Il giorno dell'infortunio di Ronaldo (mercoledi 13 gennaio 2008) la maggior parte degli addetti ai lavori nell'A.C.Milan era pessimista sull'eventuale suo recupero, e addirittura Ancelotti e Seedorf sono convinti che non vedremo mai più in campo il brasiliano, e hanno parlato già di un prematuro "addio al calcio".
L'unico ottimista nella società (come sempre) è il Presidente Silvio Berlusconi, che il giorno dopo l'infortunio disse: "Tranquilli, non vi preoccupate, presto rivedremo il Fenomeno in campo!".
Chissà perché nessuno credeva alle sue parole, però conosciamo tutti il "famoso" ottimismo del Presidente...ed ecco perché sul sito di Bastardidentro oggi è apparsa "miracolosamente" questa fotografia....



Si tratta di un Santino da girare a tutti gli amici Milanisti e soprattutto...a Ronaldo!

lunedì 18 febbraio 2008

RISULTATI FANTACALCIO 23^GIORNATA

**FANTAGRUMO**
CLASSIFICA SETTIMANALE
1) Massimo 80,5
2) Antonio 73,5
3) Mimmo 71,5
3) Vito 71,5
3) Francesco 71,5
6) Nicola 68
7) Giovanni 66,5

CLASSIFICA GENERALE
1) Vito 1660,5
2) Massimo 1653
3) Antonio 1649
4) Francesco 1636,5
5) Mimmo 1636
6) Nicola 1635
7) Giovanni 1612

CLASSIFICA CAMPIONATO
1) Massimo 110 (e lode)
2) Vito 99
3) Antonio 92
4) Francesco 85
5) Giovanni 81
6) Nicola 78
7) Mimmo 69

**FANTAROSETO**
CLASSIFICA SETTIMANALE
1) Andrea 84
2) Joseph 81
3) Mimmo 69,5

CLASSIFICA GENERALE
1) Mimmo 1555
2) Andrea 1526
3) Joseph 1445,5


CLASSIFICA CAMPIONATO
1) Mimmo 39
2) Andrea 31
3) Joseph 16

RISULTANDO...!

SCHALKE 04 - PORTO Goal
LIVERPOOL - INTER 2
ROMA - REAL MADRID X
OLIMPIAKOS - CHELSEA Goal
CELTIC - BARCELLONA X
LIONE - MANCHESTER UTD X2
ARSENAL - MILAN Goal
FENERBAHCE - SIVIGLIA 1X

domenica 17 febbraio 2008

LA CADUTA DELL'UNICORNO - La capolista cade nella tana della volpe

Sono poche le sconfitte subite dal Bitetto in questa stagione e 2 sono ad opera della compagine rossoblu.Questi dati producono orgoglio ma anche rammarico per quella che poteva essere una stagione trionfale per i nostri colori, ad ogni modo la vittoria nel derby rimane comunque motivo di festa.Ma veniamo ai fatti salienti:
la partita inizia di buona lena con le squadre che si affrontano con buona concentrazione ed impegno agonistico.Il Bitetto dà la sensazione di specchiarsi un po' troppo e non si accorge che la Grumese sta pian piano tessendo la tela. Al 7' Ghirardelli(G) con una palla filtrante pesca Scarola che si presenta solitario davanti a Iacobellis(B) tira e il portiere si salva con l'aiuto del palo.Al 10' sugli sviluppi di una punizione Ghirardelli trova la testa di Demola che colpisce il legno. Al 11' la risposta del Bitetto nei piedi Ferrulli(B) che si affaccia al limite dell'area e fa partire una conclusione insidiosa che sfiora l'incrocio.Al 13' l'indecisione della retroguardia granata concede al grumese doc Scarola l'occasione giusta che questa volta non sbaglia e fa secco Iacobellis 1 - 0.Al 18' ancora Scarola di testa spedisce a lato.A questo punto il Bitetto prende le redini del gioco e produce una veemente reazione.Al 21' Tortelli(B) si presenta in area ma D'Angelo blocca in uscita.Al 22' D'Angelo blocca la conclusione di Savoia(B) in azione solitaria.Al 27' Conese(B) manda un diagonale di poco a lato.Al 29' pregevole triangolo degli attaccanti granata che mette Savoia da solo davanti a D'Angelo ma sbaglia incredibilmente mandando fuori.La Grumese sembra alle corde ma resiste.Al 47' nei minuti di recupero del p.t. D'angelo si supera sulla punizione battuta da Tortelli.Finisce il primo tempo.
Nel secondo tempo avvengono diversi cambi da entrambe le parti.Nella Grumese fa ingresso Pace che rileva un Catalano mai entrato in partita, un cambio importante che darà la solidità necessaria alla mediana Grumese.Nel Bitetto invece De Gregorio sostituisce inspiegabilmente 2 importanti pedine come Tortelli e Giancaspero.Il Bitetto non punge più e si infrange sulla diga Grumese guidata dagli esperti Pace e Angelini.Anzi la Grumese si rifà viva dalle parti di Iacobellis.Al 14' st bello scambio del tandem Faccitondo - Quercia che termina con la conclusione di quest'ultimo impegnando severamente l'estremo bitettese.Al 18' st plateale il controllo con un braccio in area di un difensore granata ma il Sig.LA BIANCA di foggia fa proseguire.Al31'st Angelini ci prova da fuori di poco sopra.Dopodichè non accade più niente la Grumese presidia tutti gli spazi anche durante i ben 5'+1' di recupero concessi dal direttore di gara. La Grumese non si scompone di fronte ormai ha un avversario che barcolla e attacca con scarsa lucidità.La partita si conclude e la Grumese passa dalla cassa.VITTORIA

I RISULTATI E LA NUOVA CLASSIFICA:

Atletico Foggia-Margherita Sport 1-1

Atletico Modugno-Ascoli Satriano 2-1

Atletico Bovino-Toritto 4-2

Grumese-Bitetto 1-0

Mattinata-Nuova Andria 3-3

Real Barletta-Arpifoggia (Vinci di Bari) 2-0

Castriotta Manfredonia-Audace Barletta (Cutrone di Bari) 1-1

Torremaggiore-San Giovanni R. (Dibenedetto di Barletta) 1-2

CLASSIFICA: Bitetto 50; Grumese 43; Modugno 38; Real Barletta 37; Torremaggiore 35; San G.Rotondo 33; Arpifoggia 31; Ascoli, Andria, Bovino 29; Toritto 22; A.Foggia 21; Audace 20; Margherita 17; Castriotta 15; Mattinata 11.

RECUPERI: A.Bovino-A.Barletta (20/2).

EUROPA GRUMESE-BITETTO 1-0...GRAZIE RAGAZZI!!



DECISIVA LA RETE DEL GRUMESE SCAROLA AL 13' MINUTO

L' Europa Grumese riesce nella grande impresa di vincere ancora una volta con la prima in classifica. Come potrà confermare il nostro inviato Tommaso Lorusso, la gara è stata sofferta per i rossoblu' ma terminata con una meritata vittoria, arrivata grazie al gol di Fancesco Scarola al 13' del primo tempo. E' da sottolineare soprattutto il fatto che Scarola è l'unico grumese della nostra squadra ed è stato proprio lui ad andare a segno!! Grande France'!



Ora la compagine rossoblu' si avvicina alla vetta, speriamo in altri "scivoloni" del Bitetto ma aver vinto sia all'andata che al ritorno con la squadra bitettese indica la grande forza dell'Europa Grumese.
Concludo con un "affettuoso saluto" agli amici bitettesi che SICURAMENTE verranno in tanti a festeggiare e a complimentarsi per la nostra vittoria su questo blog come fatto in passato con i loro tanti messaggi di "stima"!
FORZA GRUMESE!!

sabato 16 febbraio 2008

VOTI UFFICIALI ANTICIPI 23^GIORNATA SERIE A

Del Piero è l'anima Juve
Roma battuta e avvicinata

L'esultanza bianconera dopo il gol del capitano.



L'Inter scappa, la Juve insegue
Roma e Livorno ko, Milan fermato


I bianconeri battono 1-0 i giallorossi grazie a una punizione del capitano. Gara equilibrata, per i giallorossi un palo colpito da Legrottaglie, che ha sfiorato l'autorete. Con questo successo la squadra di Ranieri si porta a un punto dal secondo posto in classifica.


Scatto in avanti dell'Inter grazie a una doppietta di Suazo che piega il Livorno. Rossoneri fermati dal Parma: 0-0. Millesima partita di Maldini


Ecco i voti in pagella de "La Gazzetta dello Sport":

JUVENTUS
BUFFON s.v. (6)
CHIELLINI 6,5-0,5
LEGROTTAGLIE 7
MOLINARO 6
ZEBINA 6,5
CAMORANESI 6
NEDVED 7
ZANETTI 6
NOCERINO 6-0,5
SISSOKO M. 6
DEL PIERO 7+3
IAQUINTA 6,5
PALLADINO s.v.
TREZEGUET 6

ROMA
DONI 6,5-1
CASSETTI 6
MEXES 5-0,5
TONETTO 6
FERRARI 5,5
AQUILANI s.v.
DE ROSSI 6,5
MANCINI 5,5-0,5
PERROTTA 6
PIZARRO 5
TADDEI 5
ESPOSITO s.v.
GIULY 6,5
TOTTI 5,5

INTER
JULIO CESAR 6,5
BURDISSO 6
CHIVU 6,5
MAICON 6
MATERAZZI s.v.
MAXWELL 7
ZANETTI J. 6,5
CAMBIASSO 6,5
FIGO s.v.
STANKOVIC 6
PELE' 6
MANICHE 6
CRESPO 5,5
SUAZO 7,5+6

LIVORNO
AMELIA 6-2
BALLERI 5,5-0,5
GALANTE 5,5
GRANDONI 5,5
KNEZEVIC 5
PASQUALE 5
FILIPPINI A. s.v.
PULZETTI 5,5-0,5
VAILATTI 6
VIDIGAL 6
DE VEZZE 5,5
DIAMANTI 6,5
ROSSINI s.v.
BOGDANI 5

PARMA
BUCCI 7
CASTELLINI 6
COUTO 7
FALCONE 7
CIGARINI 6,5
DESSENA 6,5-0,5
GASBARRONI 6
MORRONE 6
PISANU 5,5-0,5
ZENONI D. 6
MARIGA 6
BUDAN 6
REGINALDO 5
LUCARELLI 5

MILAN
KALAC 7
CAFU 6-0,5
JANKULOVSKI 6
KALADZE 6,5
MALDINI 6,5
NESTA 7
AMBROSINI 6,5
GATTUSO 5,5
KAKA' 5,5
PIRLO 6
SERGINHO 5
EMERSON 5,5-0,5
GILARDINO 5,5
INZAGHI F. 6