Visita www.grumonline.it, www.modugnonline.it, oltre a www.binettonline.it, www.torittonline.it e www.bitettonline.it - Tutto su Grumo Appula, Modugno, Binetto, Toritto, Bitetto e la provincia di Bari!

mercoledì 29 giugno 2016

Istanbul, incubo terrorismo: spari e tre esplosioni in aeroporto. 36 morti

Poco dopo le 21.10 di ieri, un commando di 7 terroristi ha colpito il terminal internazionale di Ataturk: spari sulla folla, 3 kamikaze si fanno esplodere. E' una strage: 36 morti e 150 feriti


La Turchia ripiomba nell'incubo terrorismo. Una serie di spari e almeno tre esplosioni si sono verificati all’aeroporto internazionale di Istanbul poco dopo le 21.10 (le 22.10 locali). E' una strage: il bilancio parla di 36 morti e 150 feriti. A colpire è stato un commando composto da 7 terroristi: prima hanno sparato sulla folla, poi in 3 si sono fatti saltare in aria come comunicato dal governatore di Istanbul, Vasip Sahin. Il premier turco ha deciso la creazione di un'unità di crisi. Decine di ambulanze si sono recate all'aeroporto e alcuni tassisti si sono offerti di trasportare i feriti in ospedale, i voli diretti allo scalo sono stati deviati e tutte le entrate e le uscite sono state chiuse. Secondo il primo ministro turco Binali Yildirim, dietro l'attentato potrebbe esserci la mano dell'Isis, anche se ancora non vi è stata alcuna rivendicazione.

I GLADIATORI-LIONS 11-13




Indisponibili: DonatoD, Vincenzo, MimmoM, MbaCiccio
Indisponibili storici: Nichi, Michy, Massimo, VitoC, DonatoF, VitoE, MimmoZ, Marco, FrancescoD, Michelangelo

Gara iniziata alle 19:05 e terminata alle 20:10.
I Lions si portano suito avanti 0-3, ma I Gladiatori ribaltano sul 4-3. Lions ancora avanti fino al 4-7, ma gara equilibrata fino al 7-7 e 10-10, quando I Gladiatori trovano l'allungo decisvio nel finale sulk 10-13. A nulla serve il gol finale di VitoM per il definitivo 11-13.
Migliori dei Lions: AntonioC e AntonioB
Migliori de I Gladiatori: VitoM e Alessio

VITTORIE DE I GLADIATORI: 98 (320 punti)
VITTORIE DEI RESET/LIONS:  151 (460 punti)
PAREGGI: 29
GOL DE I GLADIATORI: 4322
GOL DEI RESET/LIONS: 4704

martedì 28 giugno 2016

Euro 2016, quest'Italia è il miracolo di Conte. Con lui l'Italia gioca in 12!

In nemmeno un mese, il c.t. ha costruito un gruppo che funziona alla perfezione. E adesso tutti si affidano a lui per arrivare in fondo




Metà ripresa. L'Italia spreca una ripartenza. Antonio Conte calcia la palla con una rabbia che l'avrà fatta arrivare fino alla Senna. I media spagnoli impallidiscono subito. "Se Conte fa così in campo, immaginatevelo in spogliatoio...". E i confronti con Vicente Del Bosque, sempre posato, mai un gesto sopra le righe, si sprecano. Gli Azzurri sono soldati pronti a sbranare anche l'erba, l'approccio spagnolo ha un'intensità pari a quella con cui i giocatori dell'Italia sbucciano i mandarini la sera a cena.
(da gazzetta.it)

Euro2016, Italia emergenza a centrocampo: De Rossi e Motta out

Il centrocampista giallorosso è stato costretto a lasciare il campo per un infortunio all’anca. Thiago diffidato è stato ammonito e salterà la sfida con la Germania




L'Italia che domina la Spagna per 2-0 fa la partita della vita. Intensa, gagliarda e senza dubbio dispendiosa a livello di energie fisiche e mentali. La squadra di Conte ci mette il cuore, quello che nelle grandi partite non manca mai a questa Nazionale. Ora però bisogna guardare avanti: il quarto di finale contro la Germania vedrà l'Italia priva di Thiago Motta che diffidato ha rimediato un'ammonizione per impedire una pericolosa ripartenza spagnola. Il centrocampista del Psg è entrato al posto di Daniele De Rossi che Conte ha richiamato in panchina al minuto '54 per un problema all’anca.
(da gazzetta.it)

Italia-Spagna 2-0, Chiellini-Pellè, festa azzurra: siamo ai quarti di Euro 2016

Capolavoro di Conte: Roja dominata a lungo, il difensore della Juve sblocca al 33' sugli sviluppi di un calcio piazzato, al 91' il raddoppio. Vendicata la sconfitta in finale del 2012. Sabato la sfida alla Germania




Bestie nere, furie rosse, chiamatele come volete, tanto l'unico colore che conta, qui a Parigi, oggi è l'azzurro. Meravigliosa, coraggiosa Italia: 2-0 alla Spagna, l'avventura a Euro 2016 continua. I detentori del titolo lasciano l'Europeo agli ottavi e forse chiudono un ciclo. Problemi loro: noi andiamo a Bordeaux, con una prestazione maiuscola, un copione "tipo Belgio" e Chiellini-Pellè nel tabellino dei marcatori. Non battevamo gli spagnoli in una competizione ufficiale dal '94, l'ultima volta, a Kiev, ne avevamo prese quattro. Ma stavolta è un'altra storia. 
(da gazzetta.it)

Euro 2016, Inghilterra-Islanda 1-2: è la Brexit del calcio, Hodgson: "Mi dimetto"

Sigurdsson e Sigthorsson ribaltano il vantaggio di Rooney su rigore ed entrano nella storia: ora la Francia ai quarti di finale. Il c.t. dei britannici lascia la guida della nazionale

 

Brexitson. Nella settimana del referendum che ha deciso l’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea, l’Inghilterra lascia l’Europeo agli ottavi di finale e Roy Hodgson si dimette: avanza invece la sorpresissima Islanda, che vince 2-1 grazie ai gol di Sigurdsson e Sigthorsson. Loro, all’ingresso nell’UE hanno detto no poco prima di varcare la soglia della porta, ma di salutare Euro 2016 non ne vogliono proprio sapere. Avanzano, e nei quarti se la vedranno con la Francia padrona di casa, la favola si fa sempre più complicata e affascinante.
(da gazzetta.it)

lunedì 27 giugno 2016

Coppa America, Messi annuncia il ritiro dalla Nazionale: "Mi arrendo"

Dopo l'ennesimo flop, a soli 29 anni Leo smette con la Seleccion: "La decisione è presa, ho fatto di tutto per vincere qualcosa, ma non ci sono riuscito. Dopo l'oro olimpico 2008, il fenomeno del Barcellona ha sempre "ciccato" i grandi tornei





L'Argentina perde la sua terza finale consecutiva e Leo Messi, a soli 29 anni, annuncia l'addio alla Nazionale. La Seleccion, a secco da 23 anni, è stata sconfitta ai rigori dal Cile nell'ultimo atto della Coppa America del Centenario, con l'asso del Barcellona che ha sbagliato un penalty, al pari di Biglia. "La decisione è presa. Ho fatto di tutto per cercare di vincere qualcosa, ma non ce l'ho fatta. La mia esperienza con la Seleccion è finita", ha dichiarato il capitano biancoceleste dopo il match, visibilmente scosso per l'errore dal dischetto, dopo il quale non è riuscito a trattenere le lacrime.
(da gazzetta.it)

Coppa America, Argentina-Cile 4-2 d.c.r.. La maledizione non lascia Messi

Argentina battuta 4-2 ai rigori, dopo lo 0-0 dei regolamentari. Leo sbaglia il rigore, seconda vittoria in due anni per la Roja, terza finale persa in tre anni per l'Albiceleste




Una maledizione. Resiste, continua, non abbandona Leo Messi e la sua Argentina. Il Cile vince per la seconda volta in due anni la Coppa America. Ancora ai rigori, ancora dopo uno 0-0 in finale con l'Albiceleste. Messi non si sblocca con la Seleccion. Di più, dopo la parata di Romero nel primo rigore (di Vidal), Leo si presenta subito sul dischetto, e spedisce il rigore alle stelle, condizionando psicologicamente anche i tiratori successivi: sbaglierà Biglia, "El gato" Silva trasformerà il quinto, decisivo, che vale il "back to back" ai cileni, di fronte agli 82.016 spettatori del MetLife Stadium, nel New Jersey. La Copa del Centenario non chiude il digiuno di 23 anni dell'Argentina, che sembra caduta in un incubo ricorrente: gli errori in chiare occasioni da gol di Higuain a inizio gara, il gol che non arriva, la pressione che cresce, Messi che finisce piangendo, consolato stavolta da Bravo.
(da gazzetta.it) 

Euro 2016, Ungheria-Belgio 0-4: Hazard ai quarti, ora che sfida con Bale

A Tolosa segnano Alderweireld, Batshuayi, il fantasista del Chelsea e Carrasco: venerdì nei quarti c'è il Galles a Lilla




Sono finiti nella parte giusta del tabellone, hanno un potenziale offensivo che fa paura, segnano e non prendono più gol. Tre indizi magari non fanno ancora una prova, ma il Belgio ora è pronto a recitare la parte che gli era stata cucita addosso alla vigilia di questo Europeo, e scucita per una notte dall’Italia di Conte: quella della favorita che ha tutto per arrivare in fondo. Alderweireld, Batshuayi, Hazard e Carrasco: l’Ungheria va al tappeto per 4-0 e saluta dopo una prova generosa, i Diavoli Rossi volano ai quarti di finale dopo una prova di forza. Venerdì affronteranno il Galles a Lilla a due passi dal confine, quasi come giocare in casa: chi li ferma?
(da gazetta.it)

domenica 26 giugno 2016

Euro 2016: Germania-Slovacchia 3-0, Draxler serve Mario Gomez, poi segna

Mario Gomez segna e si procura il rigore sbagliato da Ozil, gol e assist per Draxler, in gran forma. Era stato Boateng a sbloccare il risultato




Arriva ai quarti passeggiando la Germania: 3-0 alla Slovacchia, con un super Draxler, Mario Gomez di nuovo in gol, e anche un rigore sbagliato. La Germania parte subito forte: Khedira si rende pericoloso di testa, palla in angolo, sull'azione successiva sblocca con un tiro da fuori Jerome Boateng, all'ottavo minuto. Il raddoppio potrebbe arrivare subito: spinta di Skrtel su Mario Gomez, calcio di rigore al 13', Ozil incrocia ma Kozacik respinge. Lo stesso Ozil sfiora il raddoppio con un sinistro da fuori, poi un paio di occasioni ispirate da un attivissimo Draxler, protagonista anche del raddoppio, al 43', un cross deviato in porta dall'ex viola Mario Gomez. Prima però c'era stata la prima grande occasione della Slovacchia: colpo di testa di Kucka, gran parata di Neuer che toglie palla dall'angolino. Si vede poco la stella Hamsik, giusto una punizione alta di poco (con deviazione, non rilevata dalla terna arbitrale). A chiudere definitivamente i conti un'acrobazia di Draxler, migliore in campo per distacco.
(da gazzetta.it)

Francia-Irlanda 2-1, Griezmann fa 2 gol, Deschamps trema, poi va ai quarti

I Bleus vanno subito sotto per un rigore causato da un fallo di Pogba e trasformato da Brady, ma nella ripresa l'attaccante dell'Atletico ribalta il risultato in 4 minuti e l'espulsione di Duffy chiude di fatto i conti. Domenica i transalpini sfideranno la vincente di Inghilterra-Islanda







Soffre, sbuffa, rischia il peggio e poi rialza la testa, e stravince (seppur non nel risultato), facendo valere la qualità che di certo non le manca, soprattutto in attacco. Questa è la Francia che batte 2-1 l'Irlanda e si accomoda ai quarti, aspettando l'Inghilterra, o in caso di Brexit calcistico, l'Islanda. In ogni caso, i padroni di casa passano il turno ribaltando una partita nata male, anzi malissimo, raddrizzata grazie al suo talento più alla moda, quel Griezmann che ha rubato la scena mediatica a un Pogba schiacciato dalle attese, e che con una doppietta diventa definitivamente l'eroe di tutto il Paese. Certo non è Zidane, ma la punta dell'Atletico Madrid è anche il primo francese a segnare tre reti in un Europeo dai tempi di Zizou nel 2004.
(da gazzetta.it)

Euro 2016, Croazia-Portogallo 0-1, Quaresma fa fuori Perisic al 117'

Decide l'ex interista ai supplementari dopo una partita con poche emozioni e zero tiri in porta in 90 minuti: i lusitani sfideranno la Polonia ai quarti







Cristiano Ronaldo avrà tempo di battere l'ennesimo record della sua carriera, nel frattempo può accontentarsi di giocare i quarti di finale con il suo Portogallo: sbaglia un gol praticamente fatto, quello che poteva portarlo a eguagliare il primato di Platini di 9 reti nella storia degli Europei, calciando addosso a Subasic, ma ha la fortuna che sulla ribattuta l'ex interista Ricardo Quaresma a porta vuota segna il gol che fa fuori la Croazia a tre minuti dai calci di rigore. Finisce così a Lens: 1-0 per i lusitani dopo una partita che ha regalato più emozioni negli ultimi 5 minuti che nei 115 precedenti. Un interista, Perisic, poteva continuare il suo meraviglioso Europeo, ma ha colpito il palo, sull'azione successiva un ex interista si è trasformato in eroe nazionale. E con la Polonia da affrontare ai quarti (giovedì a Marsiglia) il Portogallo può sognare di andare ancora più avanti.
(da gazzetta.it)

Euro 2016, Galles-Irlanda del Nord 1-0: Bale vola ai quarti di finale

A Parigi decide un autogol di McAuley su cross della stella del Real Madrid: Dragoni per la prima volta tra le migliori otto







Stavolta il Galles ha ottenuto davvero il massimo con il minimo sforzo: la squadra di Chris Coleman sbarca nei quarti dell’Europeo grazie all’autogol di McAuley e con un solo tiro in porta, scagliato come sempre da Gareth Bale. L’Irlanda del Nord saluta la Francia a testa alta: Michael O’Neill ha compiuto già un’impresa a portare la sua squadra, espressione di una nazione di un milione e ottocentomila abitanti, tra le prime sedici del torneo. Tornano a casa anche i suoi tifosi e se piangeranno in parte pub e bar – ma restano i gallesi e chissà che cosa combinerà domani l’Inghilterra con l’Islanda -, negli stadi mancheranno i cori e il motivetto “Will Grigg’s on fire”, dedicata all’attaccante del Wigan che ha giocato gli ultimi spiccioli di partita.
(da gazzetta.it)

Europei 2016, Svizzera-Polonia 5-6 dopo i rigori. Polacchi ai quarti

Polacchi avanti grazie a un diagonale di Kuba, poi all'82' Shaqiri firma il gol più bello dell'Europeo su rovesciata. Ai rigori errore fatale di Xhaka. Impalpabile Lewandowski




Un rigore sbagliato da Granit Xhaka, il secondo della serie, e si materializza la beffa per la Svizzera, che sull'arco dei 120' avrebbe meritato di più la qualificazione. Invece a Marsiglia va la Polonia, ai quarti di finale dell'Europeo per la prima volta nella sua storia e svapora l'incredibile bellezza del gol in rovesciata di Shaqiri, che nella ripresa aveva rimesso in carreggiata la Svizzera, punita per il suo primo tempo troppo grigio per essere vero dal gol dell'1-0 di Blaszczykowski. 
(da gazzetta.it)

giovedì 23 giugno 2016

Euro 2016, Italia-Irlanda 0-1: decide Brady, anche i verdi agli ottavi

Un colpo di testa all'85' regala agli uomini di O'Neill la qualificazione alla seconda fase con gli azzurri e il Belgio: prima sconfitta per Conte in una gara ufficiale, ma non fa male



Che cuore, l’Irlanda. E che brutta, questa Italia. Per fortuna, la prima sconfitta dell’era Conte in una gara ufficiale è una caduta che non provoca traumi: eravamo già qualificati, primi nel girone E di Euro 2016, con un avversario già certo per gli ottavi di Parigi. Però il c.t. azzurro aveva chiesto di evitare brutte figure. E questa, se non lo è, diciamo che ci va vicino. Ventidue anni dopo lo sgambetto al Mondiale americano, l’Irlanda torna a batterci in un match con punti in palio: lì arrivammo in finale, qui chissà.

Svezia-Belgio 0-1, decide Nainggolan, Ibrahimovic eliminato senza segnare

Gli scandinavi chiudono ultimi nel girone: i Diavoli Rossi trovano il gol partita nel finale, agli ottavi affronteranno l'Ungheria e ora hanno un'autostrada verso la semifinale







Il gol di Nainggolan che spegne definitivamente le speranze della Svezia è solo un corollario: anche lo 0-0, del resto, andava benissimo al Belgio per infilarsi nell'autostrada verso la semifinale. I Diavoli Rossi chiudono secondi con gli stessi punti dell'Italia (che però ha vinto lo scontro diretto), agli ottavi troveranno l'Ungheria, eventualmente ai quarti la vincente di Galles-Irlanda del Nord: di più non potevano chiedere al destino. Di sicuro potranno chiederlo a se stessi, perché anche a Nizza non hanno convinto del tutto e sembrano sempre giocare al di sotto del proprio potenziale. È bastato, in ogni caso, per mandare a casa Ibra che perde la sua ultima partita giocata in nazionale e chiude il suo quarto Europeo senza neppure un gol, un'impresa al contrario che prima non gli era mai riuscita. La squadra, che finisce in coda al girone, di certo non lo ha aiutato più di tanto.

(da gazzetta.it)

Euro 2016, Islanda-Austria 2-1: storica vittoria e l'Inghilterra agli ottavi

Finisce 2-1: gli austriaci vanno a casa, la rivelazione di Euro 2016 passa coi gol di Bodvarsson e Traustason


Diciamo la verità, quanto ci piacciono le partite dentro o fuori. D’accordo, gli schemi e l’equilibrio di una squadra sono un’altra cosa, ma chi è allo stadio si diverte un mondo. Almeno la marea blu dell’Islanda che ha colorato lo stadio e alla fine ha regalato lo spettacolo del coro con il suono del geyser, la haka del calcio. All’altra parte dello stadio, quella rosso Austria, non è resta che piangere. E sono lacrime amare per una qualificazione alla portata, sfuggita per i tanti errori sotto porta, compreso un rigore. 
(da gazzetta.it)

Euro 2016, Ungheria-Portogallo 3-3, Ronaldo riparte, e con una doppietta

Gara da brividi a Lione, con un'alternanza di gol perfetta: il primo tempo si chiude sull'1-1 (Gera, Nani), nella ripresa si scatenano Dzsudzsak e CR7, con due gol ciascuno. Cristiano segna anche di tacco


Clamoroso. In tutti i sensi. Il Leone CR7 ha deciso di decidere: doppietta con allegato un colpo di tacco, ma il suo Portogallo finisce terzo. L’Ungheria che pareva fra le peggiori squadre eccola qui, prima del girone. Clamoroso, appunto. Una delle partite più pazze degli ultimi anni viene decisa da situazioni al limite del possibile e anche dell’impossibile: resta il fatto che il Portogallo diventa la terza classificata dietro l’Islanda, l’Ungheria è prima e CR7 è nuovamente in ebollizione. Servirebbe un instant-book per raccontare una gara così folle e accartocciata e riaperta tre volte. E alla fine le sensazioni pesanti della mattinata portoghese avevano un perché.
(da gazzetta.it)

mercoledì 22 giugno 2016

Euro 2016, Croazia-Spagna 2-1, Perisic ribalta il gruppo

Ribaltone nei minuti finali: l'interista a segno dopo il vantaggio di Morata e il pareggio di Kalinic. Ora la squadra di Del Bosque agli ottavi contro gli azzurri



Qualificati da primi dopo due partite: troppo facile. Ci pensa Ivan Perisic a riportare l'Italia coi piedi per terra, e di fronte a una sfida che più dura non si può. Al minuto 87 l'interista servito da Kalinic in contropiede batte De Gea, non incolpevole nonostante una deviazione: ribalta la partita e la classifica del girone. Croazia prima, Spagna seconda. E nostra prossima avversaria, negli ottavi. Una rivincita della finale di quattro anni fa: un po' prestino, però.
A Bordeaux tutti i gol sono italiani, da quello del vantaggio di Morata (in realtà da oggi è tornato spagnolo anche a livello di club) al pareggio di Kalinic, ma per noi sono guai. E dire che al 72' Sergio Ramos dal dischetto ha la palla del 2-1, ma si fa parare il rigore. Poteva essere il gol della sicurezza, ma sarà la serata della Croazia. Si era cominciato con il timore di intemperanze degli ultras croati, il cui obiettivo è destabilizzare il presidente federale, invece sugli spalti fila tutto liscio. E per la squadra di Cacic va addirittura meglio in campo.
(da gazzetta.it)

Euro 2016, Repubblica Ceca-Turchia 0-2, Terim è terzo e spera negli ottavi

Yilmaz e Ozan Tufan piegano Cech: i turchi vanno davanti all'Albania nella classifica delle "ripescabili" e sono a un passo dalla qualificazione





Il miracolo non è ancora completo, ma Fatih Terim è già un bel pezzo avanti: la Turchia batte 2-0 la Repubblica Ceca, conquista il terzo posto e si avvicina alla qualificazione agli ottavi dopo aver perso le prime due partite del girone. Con 3 punti e una differenza reti di -2 (ma con due gol fatti) è già davanti all'Albania nella graduatoria delle "ripescabili": se dal gruppo E (quello dell'Italia) e dal gruppo F(quello del Portogallo) una sola altra terza le finirà dietro, la Mezzaluna non abbandonerà l'Europeo. Lo farà sicuramente, invece, la Repubblica Ceca: le bastava vincere per essere certa di passare e forse era così sicura di farlo (pur avendo meno qualità degli avversari) che ha finito per perdere. Del resto i tempi di Poborsky e Nedved (o di Koller e Baros) sono assai lontani.
(da gazzetta.it)

Europei 2016, Irlanda del Nord-Germania 0-1: Mario Gomez decisivo

I tedeschi ritrovano l'ex centravanti della Fiorentina, alla prima da titolare, e battono di misura i nord irlandesi. Palo e traversa di Muller, McGovern assoluto protagonista. I tedeschi chiudono in testa il Gruppo C, i verdi accedono agli ottavi





E' una Germania cui piace specchiarsi, essendo bella di natura, calcistica. Elegante nella costruzione, affascinante nel dominare illustrando le proprie doti. Sfruttando con delicatezza i punti deboli di chi le si presenta davanti. Ecco, forse, a questa Germania favorita, campione del Mondo in carica, manca una certa dose di cattiveria per far rispettare il lignaggio, traducendolo in un risultato meno povero dell'1-0 a firma dell'ex viola Gomez, rifilato senza comunque rischiare nulla all'Irlanda del Nord. I tedeschi passano come da previsioni agli ottavi, conquistando il primato del Gruppo C con 7 punti e per differenza reti grazie alla contemporanea vittoria della Polonia sull'Ucraina per 1-0. Dopo il risultato di Turchia-Repubblica Ceca (2-0), i tre punti nel gruppo (e la differenza reti) consentono agli irlandesi di Michael O'Neill di essere già sicuri del ripescaggio come una delle migliori quattro terze.
(da gazzetta.it)

Euro 2016, Ucraina-Polonia 0-1: decide Blaszczykowski, la qualificazione è storica

Grazie al gol del centrocampista della Fiorentina i polacchi avanzano agli ottavi per la prima volta nella loro storia e ora affronteranno la Svizzera. Gli ucraini chiudono a zero punti senza segnare nemmeno un gol


Niente: Lewandowski dorme ancora. E allora a risvegliare dolcemente la Polonia negli ottavi di finale (traguardo storico) è l’ex viola - rientrato dal prestito al Borussia Dortmund - Jakub Blaszczykowski detto Kuba, rapido di testa, di gamba e di piede nel trasformare un servizio delizioso di Milik in profondità. Così, la Polonia avanza da seconda del Girone dietro la Germania e sabato 25 incontrerà la Svizzera (ore 15) a Saint Etienne. L’Ucraina – che comunque avrebbe meritato un rigore solare ad inizio primo tempo – saluta l’Europeo con zero punti, tanta volontà ma pure un’efficacia pari allo zero nonostante contro questa Polonia pasticciona ci abbia provato svariate volte e con grande orgoglio, ovvero ciò che aveva chiesto il suo ct uscente Fomenko.
(da gazzetta.it)

Doping: Alex Schwazer, ci risiamo. Trovato ancora positivo

Il marciatore altoatesino, già squalificato per Epo prima dei Giochi di Londra, avrebbe assunto sostanze vietate a inizio anno, durante la preparazione per il rientro. L'avvocato: "Accuse false e mostruose"


Era tornato a gareggiare l'8 maggio scorso, dopo la squalifica che gli era stata inflitta per la positività all'Epo, riscontrata in un controllo preolimpico del 30 luglio 2012. Oggi una nuova doccia fredda per Alex Schwazer: il marciatore bolzanino, tornato alle gare da poco più di un mese, è stato trovato di nuovo positivo durante la preparazione per il rientro.

martedì 21 giugno 2016

Euro 2016, Slovacchia-Inghilterra 0-0: inglesi qualificati, slovacchi quasi

Finisce 0-0 a Saint.Etienne: la Slovacchia resiste con le parate di Kozacik e vede gli ottavi. Hodgson chiude il girone B secondo alle spalle del Galles

Saint Etienne è la perfetta cornice per lo sport di un dentifricio che sconvolga il mercato. Perché sorridono tutti dopo lo 0-0 tra Slovacchia e Inghilterra. L'Inghilterra passa come seconda, la squadra di Hamsik con quattro punti ha molte possibilità di essere tra le 4 migliori terze. L'Irlanda per estrometterla dovrebbe battere l'Italia 3-0. Non quella che i quotisti definirebbero una scommessa sicura. Il sorriso smagliante alla Charlize Theron ce l'hanno proprio gli slovacchi, mentre Hodgson dovrà farsi dare una sbiancata dal dentista. Arrivare dietro al Galles è uno smacco. Anche se la prestazione è stata a tratti brillante e in termini pratici cambia poco. E' come se il Lanciano salisse in A e fosse davanti all'Inter dopo 6-7 giornate. Ma nel Regno Unito quest'anno sono tutte sorprese, dal Leicester in poi.
(da gazzetta.it)

Russia-Galles 0-3, Bale segna ancora e va agli ottavi da primo del girone

Uno-due Ramsey-Taylor nel primo tempo, poi la stella del Real Madrid va in gol per la terza partita consecutiva e diventa capocannoniere solitario: i britannici scavalcano i "cugini" inglesi e sfideranno una ripescata. Il c.t. Slutski si dimette a fine gara



Il principe del Galles è il re dell'Europeo: Gareth Bale entra sempre più di prepotenza nella storia del suo paese perché dopo averlo trascinato per la prima volta alla fase finale del torneo continentale, gli regala (con l'aiuto non trascurabile dei suoi compagni) un meraviglioso sogno. Il 3-0 alla Russia non solo consente ai britannici di qualificarsi agli ottavi, ma li proietta in testa al girone davanti ai "cugini" inglesi che li hanno battuti nel derby, ma poi si sono fermati nelle altre due partite. La stella del Real va a segno per la terza partita consecutiva e diventa capocannoniere solitario riuscendo in un'impresa compiuta l'ultima volta nel 2004 da Baros e Van Nistelrooy, mentre il Galles comincerà la fase a eliminazione diretta affrontando una ripescata con legittime possibilità di andare ancora avanti. La Russia va a casa senza rimpianti, abbandonata anche dal c.t. Slutski che si è dimesso a fine gara: lasciano la Francia i suoi hooligan, la lascia una nazionale sempre eliminata al primo turno nelle ultime tre grandi manifestazioni. È vero che non aveva Denisov e Dzagoev, ma dovrà lavorare molto in vista del Mondiale del 2018 che si giocherà proprio a casa sua e magari, in questo senso, la Confederations Cup della prossima estate potrà aiutarla. Il problema, evidentemente, non era Capello, che semplicemente non ha aiutato a risolverlo.
(da gazzetta.it)

lunedì 20 giugno 2016

Euro 2016, Svizzera-Francia 0-0: entrambe vanno agli ottavi

Finisce 0-0 a Lilla: la squadra di Deschamps colpisce tre traverse, ma passa comunque come prima del girone. Avanti anche gli svizzeri, per la prima volta nella storia


La serata di Lilla regala solo sorrisi e Svizzera e Francia. Che pareggiano 0-0 e passano agli ottavi con una certa facilità. Deschamps, che per l'occasione ritrova anche un grande Pogba, passa da primo del girone, Petkovic da secondo. Per la Francia ci sarà una terza, per la Svizzera, alla seconda fase di un Europeo per la prima volta nella sua storia, una tra Germania, Polonia e Nord Irlanda.
(da gazzetta.it)

Euro 2016, Romania-Albania 0-1: decide Sadiku, De Biasi spera negli ottavi

Primo storico successo per le "Aquile" del c.t. italiano agli Europei: scavalcati i romeni al terzo posto, il ripescaggio adesso è possibile


Gianni De Biasi ritira il suo bel bigliettino col numero e si accomoda in sala di attesa. Ancora qualche giorno (e una manciata di partite) e saprà se la sua Albania verrà chiamata al gran ballo degli ottavi di finale di questo Europeo. Intanto se lo potrà leggere e rileggere, quel bigliettino: c’è scritto “3”, come i punti che i suoi ragazzi hanno fatto nel gruppo A. Punti che sono arrivati nella partita della vita, a Lione, dove la Romania è caduta per 1-0 ed è scivolata alle spalle delle “aquile” nella classifica del girone: è bastata un’inzuccata perfetta di Armando Sadiku, centravanti del Vaduz, che si è già guadagnato un posto nella storia a prescindere da come finirà. Ha segnato il primo gol di sempre dell’Albania agli Europei. E ha regalato la prima vittoria, che vale il terzo posto della speranza.

(da gazzetta.it)

sabato 18 giugno 2016

Euro 2016, Belgio-Irlanda 3-0: doppio Lukaku e Witsel, l'Italia vince il girone

I Diavoli Rossi ripartono dopo il flop con gli azzurri: il centravanti firma 2 gol, si sblocca anche il centrocampista dello Zenit. Wilmots ora è secondo


Il Belgio torna in corsa, l'Italia va agli ottavi con la certezza del primo posto nel girone. A Bordeaux i Diavoli Rossi superano 3-0 l'Irlanda e salgono a 3 punti nel gruppo E, alle spalle della Nazionale di Conte; Svezia e Irlanda chiudono a un punto. La nazionale di Wilmots si scatena nel secondo tempo: Romelu Lukaku apre al 3' finalizzando un perfetto contropiede di De Bruyne e si ripete al 25' sfruttando l'assist di Hazard; nel mezzo la rete di Witsel, un colpo di testa al 16'. Grazie al risultato di oggi, gli azzurri sono matematicamente primi: lunedì 27 alle 18 a Saint-Denis affronteranno la seconda classificata del gruppo D negli ottavi di finale.
(da gazzetta.it)

Euro 2016, Italia-Svezia 1-0: Eder gol, siamo agli ottavi di finale

Un gol dell'interista a due minuti dalla fine ci regala la seconda vittoria nel gruppo E e il passaggio del turno. Traversa di Parolo, Ibrahimovic non morde



L’ha voluto. L’ha portato in Francia anche se nel 2016 ha segnato meno di chiunque. L’ha rimesso in efficienza fisica. E ora Antonio Conte se lo abbraccia, il suo Eder, sotto il cielo nuvoloso di Tolosa. Bis azzurro: 1-0 alla Svezia in extremis, qualificazione agli ottavi già in cassaforte, domani Belgio-Irlanda potrebbe darci il primo posto aritmetico nel gruppo E dell’Europeo. Diciamolo subito: la sconfitta è una punizione troppo severa per la Svezia, che nonostante un Ibrahimovic al minimo sindacale ha messo l’Italia più in difficoltà di quanto abbia fatto il Belgio. Ma con testa e cuore, la Nazionale ha fatto il colpaccio anche in una versione meno scintillante rispetto a Lione.
(da gazzetta.it)
 

Euro 2016, Spagna-Turchia 3-0: Morata fa due gol, Nolito uno, ottavi conquistati

Gli iberici danno spettacolo e strappano il pass per il prossimo turno con una giornata di anticipo: lo juventino segna una doppietta, Iniesta incanta, l'esterno del Celta Vigo è un'arma in più rispetto al passato



L'Europa trema: il meraviglioso Regno di Spagna è tornato. Il 3-0 che i campioni in carica rifilano alla Turchia è una dimostrazione di forza pazzesca, perché arriva con le armi che hanno reso grandi le Furie Rosse nell'ultimo decennio portandole al doppio trionfo continentale e al Mondiale 2010 e con l'apporto di nuovi talenti che, aspettando una conferma contro avversari più forti, le rendono notevolmente più efficaci. Uno su tutti, naturalmente: lo juventino Alvaro Morata, primo giocatore a segnare una doppietta nel torneo. Del Bosque, come già hanno fatto prima di lui Francia e Italia, conquista gli ottavi con un turno di anticipo ottenendo due successi in due partite: all'ultima giornata, contro la Croazia, basterà il pari per difendere il primo posto. La Turchia, invece, è con un piede fuori: con una differenza di reti di -4 anche chiudere a quota 3 potrebbe non bastare per rientrare tra le migliori quattro terze.
(da gazzetta.it)

Euro 2016, Repubblica Ceca-Croazia 2-2: Necid, pari su rigore al 93'

Rimontona ceca da 0-2 a 2-2: sblocca l'interista Perisic, raddoppia Rakitic, poi la riapre Skoda prima della follia di Vida che regala il penalty decisivo. Gara sospesa per 6 minuti sul 2-1 per un petardo lanciato dai tifosi croati che ha colpito uno steward 

 


La Croazia si complica maledettamente la vita. I suoi tifosi la complicano a chi vorrebbe vedere calcio e basta. Il calcio zuccherato dei croati subisce una secchiata di amarezza improvvisa e inattesa, perché quando tutto sembrava dire ottavi di finale ecco che la Repubblica Ceca accorcia con Skoda e si rimette in gioco con un rigore di Necid procurato da una smanacciata volante di Vida. Due a due finale, croati basiti e a 4 punti, mentre i loro tifosi, che prima avevano lanciato fumogeni in campo obbligando l'arbitro a sospendere la partita, colpiscono con una bomba carta uno steward e vengono guardati e ammoniti e respinti da cento poliziotti vestiti in assetto antisommossa. Il tutto mentre nell’altra curva i ragazzi della Repubblica Ceca saltano perché ancora vivi e dentro al Girone per un 2-2 finale che nessuno, vista gran parte della gara, avrebbe immaginato.
(da gazzetta.it)

venerdì 17 giugno 2016

Euro 2016, Germania-Polonia 0-0: Milik grazia Neuer, ottavi vicini per Löw

I tedeschi deludono, rischiano due volte sulle occasioni fallite dall'attaccante dell'Ajax e si rendono pericolosi solo una volta con Özil: qualificazione a un passo per entrambe, il pari fa fuori aritmeticamente l'Ucraina







La qualità non manca, la personalità e l'esperienza neppure, ma il pari con la Polonia conferma il periodo di involuzione della Germania. Non sembra più quella del trionfo mondiale, quando Reus e Gündogan, i grandi assenti di oggi, non c'erano comunque, ma c'erano, quelli sì, Lahm e Klose, che ora si sono ritirati dalla nazionale e hanno lasciato un vuoto pesante, come si era già visto nelle qualificazioni. Il primo 0-0 dell'Europeo va persino bene ei tedeschi, graziati due volte da Milik: tutto sommato li lascia in testa al girone e a un passo dagli ottavi. Lewandowski e compagni possono rammaricarsi per le occasioni fallite, ma all'ultima giornata troveranno l'Ucraina già eliminata: difficilmente le faranno compagnia.
(da gazzetta.it)

Euro 2016, Irlanda del Nord in festa: vince 2-0, Ucraina già eliminata

Apre McAuley di testa, chiude McGinn, Yarmolenko e Konoplyanka si svegliano tardi: partita sospesa per 2' per una fitta grandinata. Il pari tra Germania e Polonia fa fuori aritmeticamente la nazionale di Fomenko

 


Avevano perso entrambe alla prima giornata, oggi non potevano sbagliare: finisce con la prima, storica vittoria all'Europeo dell'Irlanda del Nord, che chiuderà il girone C sfidando la Germania, gara in apparenza proibitiva, ma che verrà affrontata con i tre punti presi oggi, battendo 2-0 l'Ucraina. Gol di McAuley a inizio ripresa e raddoppio nell'extra-time di McGinn: grande festa per la squadra di Michael O’Neill, che ora sogna l’impresa. Per l'Ucraina la notizia peggiore arriva tre ore dopo: il pari tra Germania e Polonia la elimina aritmeticamente, perché pur vincendo all'ultima giornata chiuderebbe comunque al quarto posto, senza neppure la possibilità di ripescaggio.
(da gazzetta.it)

Inghilterra, miracolo al 92’. Con Sturridge Galles k.o. 2-1

Il gol nel recupero decide il derby britannico e porta Hodgson praticamente agli ottavi. Le altre reti di Bale su punizione, poi il pareggio di Vardy in mischia





Il calcio toglie e regala: l’Inghilterra, colpita al 92’ dal gol della Russia nella gara inaugurale del suo Europeo, trova allo stesso minuto il colpo del 2-1 per battere il Galles nel superderby britannico. Un successo in rimonta, dopo aver chiuso il primo tempo in svantaggio, con i Dragoni avanti grazie al gol su punizione di Bale e a un intervento maldestro di Hart. L’Inghilterra non era mai riuscita nell’impresa di ribaltare un risultato nelle fasi finali di un campionato continentale e questo la dice la lunga sulla portata dell’impresa. Ma in questa storia entra a gamba tesa anche Roy Hodgson: sbaglia la formazione iniziale confermando la coppia Kane-Sterling (deludente contro la Russia), trovando poi il coraggio di fare un doppio cambio nell’intervallo, inserendo al loro posto Sturridge e Vardy. Una mossa decisiva: sono i due attaccanti a firmare le reti che permettono all’Inghilterra di aggiudicarsi il match, salire a quota 4 in classifica e guardare con ottimismo al futuro.
(da gazzetta.it)

giovedì 16 giugno 2016

Euro 2016, Francia-Albania 2-0: Griezmann e Payet regalano gli ottavi

Dopo un brutto primo tempo e un assedio nella ripresa con l'ingresso di Pogba e Griezmann, i padroni di casa superano la nazionale di De Biasi e staccano il pass per la seconda fase


Stavolta, più della Marsigliese hanno potuto i fischi e i cambi. Perché per scuotere questa Francia che non esalta all’Europeo di casa sua c’è voluta una pioggia di proteste dei tifosi Bleus a Marsiglia quando Giroud e compagni si avviavano negli spogliatori per l’intervallo, dopo un primo tempo inguardabile. E sono serviti gli aggiustamenti in corsa di Deschamps, che ha archiviato quella brutta bozza di 4-2-3-1 con Martial-Coman e senza Pogba-Griezmann rispolverando un 4-3-3 più equilibrato: così, soffrendo e sbloccando il cubo di Rubik solo nel finale (come con la Romania), la Francia batte 2-0 l’Albania e stacca il biglietto per gli ottavi di finale. A risolverla ci hanno pensato Griezmann, panchinaro di lusso, con un colpo di testa al 90', e Payet al 96'.
(da gazzetta.it)

Euro 2016, Romania-Svizzera 1-1: Mehmedi risponde a Stancu

I rossocrociati vanno in svantaggio nel primo tempo, ma riescono a pareggiare all'inizio della ripresa. Ora sono primi nel gruppo A e hanno buonissime chance di andare agli ottavi



Che fosse un cattivo cliente la Romania, si era già intuito nell’esordio contro la Francia, in una partita votata al difensivismo per sabotare il divismo tecnico della squadra di Deschamps, comunque irrigidita dal peso di nazione organizzatrice e favorita per acclamazione popolare. Solo la stoccata di Payet allo scadere aveva rovinato i piani di c.t. Iordanescu (2-1) che però ha imparato la lezione e rielaborato la formula per tentare di risalire. Contro la Svizzera serviva qualche lume in più in fase offensiva. E così è stato, almeno nelle intenzioni. Alla fine quindi ne è venuto fuori un pari equilibrato (1-1) che permette agli elvetici di ipotecare gli ottavi e ai romeni di giocarsela nell'ultimo set contro l'Albania di De Biasi. Sperando magari in un favore proprio della Francia, stasera.

mercoledì 15 giugno 2016

Europei 2016, Russia-Slovacchia 1-2. Super Hamsik: assist e gran gol

Primo tempo tutto slovacco: al 32' assist da 40 metri di Hamsik per Weiss che sblocca, al 45' fantastico il raddoppio del napoletano. Nella ripresa Glushakov riapre a dieci dalla fine


Altro che Uefa, altro che sanzioni. La Russia rischia seriamente di andare a casa non certo a causa degli incidenti provocati da criminali travestiti da tifosi. No, la Russia è con un piede e mezzo fuori dalla Francia per colpa di un fuoriclasse come Hamsik: ispira il primo gol e poi inventa il raddoppio. La Slovacchia gode, respira e cancella il k.o. dell’esordio contro il Galles e oggi si mette davanti alla tv per assistere al derby britannico tra Bale e l’Inghilterra, sperando che la nazionale di Hodgson non batta i cugini, perché in questo caso i bianchi di Kozak sarebbero padroni del proprio destino in ottica qualificazione. La Russia può invece solo sperare e semmai fare mea culpa: per gli errori in fase di conclusione e per una formazione molle e svagata nel primo tempo. Meglio nella ripresa, quando bisognava rischiare e quando soprattutto il c.t. Slutski ha messo dentro centrocampisti in grado d’inserirsi tra le linee (come Glushakov, autore del gol).
(da gazzetta.it)

Euro 2016, Austria-Ungheria 0-2: in rete Szalai e Stieber

Nella sfida che apre il gruppo F arriva la prima sorpresa: Alaba ci prova ma lo fermano il palo e le parate di Kiraly, Dragovic (espulso ingiustamente) lascia i suoi in 10 e gli ungheresi si prendono i 3 punti




I conti con la storia sono stati chiusi da tempo, ma Austria-Ungheria aveva comunque un sapore antico, come il look del portiere ungherese Kiraly. È invece giovane e freschissimo l'uomo che risolve la partita e regala a sorpresa il successo agli ex sudditi dell'Impero Asburgico: si chiama Laszlo Kleinheisler: classe 1994, ha sangue tedesco e gioca nel Werder. Ha esordito in nazionale lo scorso novembre e il ct lo ha messo subito fra i titolari. Lui ha ripagato la fiducia con un assist per il centravanti Szalai, che al 17' del secondo tempo, senza aver fatto un granché prima, ha sbloccato una partita che l'Austria sembrava poter vincere da un momento all'altro grazie alla maggior classe e alla maggiore esperienza sul piano internazionale dei suoi giocatori. Invece ecco che, dopo la Romania, cade anche un'altra imbattuta nelle qualificazioni. E l'Ungheria vola.
(da gazzetta.it)

martedì 14 giugno 2016

I GLADIATORI-LIONS 14-7




Indisponibili: DonatoD, MimmoM, Vincenzo, FrancescoDen, MaxL, MbaCiccio
Indisponibili storici: Nichi, Michy, Massimo, VitoC, DonatoF, VitoE, MimmoZ, Marco, FrancescoD, Michelangelo

Gara iniziata alle 19:05 e terminata alle 20:20.
Lions subito avanti 0-2, ma I Gladiatori ribaltano sul 3-2. Gara molto equilibrata, con un primo pareggio 5-5 e poi fino al 7-7. Nel finale però i "reds" allungano e vincono per 14-7.
Migliori de I Gladiatori: Alessio e MarioA
Migliori dei Lions: AntonioC e AntonioB

VITTORIE DE I GLADIATORI: 99 (323 punti)
VITTORIE DEI RESET/LIONS:  150 (457 punti)
PAREGGI: 29
GOL DE I GLADIATORI: 4325
GOL DEI RESET/LIONS: 4698

Bari, è morto Vincenzo Matarrese: fu presidente dal 1983 al 2011

Fratello di Antonio, aveva 79 anni ed era malato da tempo: ha scritto una pagina importante nella storia del club biancorosso. Da Cassano a Bonucci, quanti talenti nel suo Bari


È morto a Bari Vincenzo Matarrese, presidente del club pugliese per 28 anni, dal 1983 al 2011, stroncato da una brutta malattia. Era nato ad Andria 79 anni fa. Matarrese ha lottato con tutte le sue forze nell’ultimo anno e mezzo, prima di arrendersi all’avverso destino. Negli ultimi mesi del suo calvario era stato ricoverato per un lungo periodo presso l’ospedale Gemelli di Roma. Di recente le sue condizioni sembravano migliorate, fino all’improvvisa involuzione ed al decesso.

Euro 2016, Conte: "Lo spirito c'è. E c'è pure la squadra... Compatti si fanno grandi cose"

Il c.t. azzurro dopo il 2-0 al Belgio: "Abbiamo giocato una buona partita, bravi a soffrire quando dovevamo contro una delle favorite alla vittoria finale. Passiamo il turno, poi vedremo"







Benedetti pronostici: se l'effetto provocato da chi non ci mette fra le favorite di questo Europeo è quello di mandare in campo 11 leoni che azzannano il Belgio delle stelle, allora va benissimo così. Lo penserà anche Antonio Conte, che dalla notte di Lione tornerà al quartier generale di Montpellier con un taglio tra labbro e naso e, soprattutto, tre preziosissimi punti conquistati dalla sua Italia nella gara di esordio con il Belgio. Italia vittoriosa, come Francia e Spagna, Italia che vince con due gol di scarto, come solo la Germania fino a oggi. "È stata una buona partita, giocata nella giusta maniera e preparata bene - analizza Conte al fischio finale di Belgio-Italia 0-2 -. Siamo stati molto bravi a soffrire quando dovevamo. Abbiamo giocato contro una squadra molte forte, che resta tra i candidati alla vittoria finale". Ma il c.t. sottolinea come adesso l'atteggiamento della Nazionale, in testa al gruppo E (Irlanda e Svezia sono a un punto), debba restare lo stesso: umile e compatto.

Euro 2016, Giaccherini fa innamorare l'Italia: "Gol per mio nonno. Da lassù..."

L'eroe di Italia-Belgio è arrivato tardi al grande calcio e ha rischiato di smettere a 15 anni: "Avanti così: faremo innamorare gli italiani"


Giak, si gira. In realtà il film sulla carriera di Emanuele Giaccherini non è di quelli che appena usciti dal montaggio hanno un biglietto in business per Hollywood. La trama è quella di una commedia italiana inizio Anni 80, dove spadroneggiava il grande Lino Banfi. Quelle che sono state rivalutate molti anni dopo a suon di grandi ascolti. La carriera del pupillo di Antonio Conte è sempre stata così: una lungo esame per dimostrare che poteva fare il calciatore ad alti livelli. E i meritati riconoscimenti che arrivano. Meglio tardi che mai. 
 

Euro 2016, Belgio-Italia 0-2: Giaccherini e Pellè, gol, Conte in testa al girone

L'avventura azzurra comincia con un successo sui Diavoli Rossi: sblocca il centrocampista del Bologna al 32' su meraviglioso assist di Bonucci, Pellè raddoppia nel recupero

Dovremmo ricordare Manaus, Balotelli, l'Inghilterra battuta all'esordio nel Mondiale 2014 e la rapida disillusione brasiliana. Dovremmo, perché un grande esordio non significa vincere un torneo. Dovremmo. Ma chi ne ha voglia, adesso? Che Italia, signori. Che partenza a Euro 2016: sconfitto per 2-0 il favorito Belgio a Lione, con una prova tutta cuore e cervello, tutta in stile Antonio Conte. Il pareggio tra Irlanda e Svezia ci proietta al comando del girone: è lunga, è lunghissima, ma intanto è così.

Euro 2016, Irlanda-Svezia 1-1: perla di Hoolahan, Ibra propizia il pari dei suoi

Il centrocampista segna un gran gol, poi l'ex di Juve, Inter e Milan propizia l'autorete di Clark: ma le avversarie degli azzurri nel gruppo E non fanno paura



Per la forma, non è ancora lui il primo attaccante ad aver segnato per quattro Europei di fila. L'onore magari andrà a Ronaldo, domani. Ma è comunque Ibrahimovic ad evitare alla Svezia quello che poteva meritarsi. Cioè di cedere i tre punti dell’esordio a un’Irlanda che a sua volta non impressiona per tasso tecnico, ma può contare su un paio di elementi capaci di accendere il gioco come il terzino Brady sinistro, lo spensierato Hendrick e soprattutto Hoolahan: piedi e vista buoni da trequartista. Dal lui nasce il gol del vantaggio che Clark rovina con una spettacolare autorete di testa, in tuffo, su un cross di Ibrahimovic.
(da gazzetta.it)

Euro 2016, Spagna-Repubblica Ceca 1-0: decide Piqué all'87'

La Roja crea, spreca, sbatte a lungo sul muro ceco, rischia e rimedia il successo grazie a un colpo di testa del difensore del Barcellona, servito da Iniesta, il migliore in campo


La Spagna crea, spreca, sbatte a lungo sul muro della modesta ma applicata Repubblica Ceca, riesce anche a rischiare e rimedia la vittoria solo a 3 minuti dalla fine grazie a un colpo di testa di Piqué servito dal migliore in campo, il signore dei passaggi, Andres Iniesta. E, nel recupero, c'è voluta una gran parata di De Gea su Lafata per offrire ai doppi campioni uscenti una vittoria in questo faticoso esordio.
(da gazzetta.it)

lunedì 13 giugno 2016

F1 Canada, vince Hamilton. Peccato Ferrari, Vettel buon 2°

L'inglese della Mercedes ha trionfato per la quinta volta a Montreal battendo la rossa del tedesco. Sul podio la Williams di Bottas. Poi Verstappen e Rosberg. Sesto Raikkonen






Contro Lewis Hamilton e la Mercedes non si passa. L'inglese campione del mondo, che ha dedicato il trionfo a Muhammad Ali ed è tornato prepotentemente in corsa per il titolo, ha vinto per la quinta volta il GP del Canada piegando una bellissima Ferrari, quella di un Sebastian Vettel che al via ha fatto sognare i tifosi del Cavallino scavalcando entrambe le Frecce d'argento. Ma alla fine il passo e la regolarità delle vetture di Stoccarda hanno fatto ancora la differenza. Ben oltre la strategia della Ferrari, che ha tentato di giocarsi gli ultimi 33 giri con gomme più fresche dei rivali. Sul podio la Williams di Valtteri Bottas, che ha preceduto la Red Bull di un ottimo Max Verstappen e la seconda Mercedes di Nico Rosberg. Sesto Kimi Raikkonen con l'altra Ferrari. 
(da gazzetta.it)

Lega Pro, Foggia-Pisa 1-1: Gattuso conquista la promozione in Serie B

Forti del 4-2 dell'andata, ai nerazzurri basta il pari allo "Zaccheria", per tornare tra i cadetti dopo 7 anni di assenza. Nella ripresa, però, succede di tutto: l'ex milanista viene colpito da una bottiglietta, gli ultrà di casa invadono il campo e la partita viene sospesa per 10 minuti


Gattuso colpito alla testa. LaPresse

Il Pisa conquista la serie B avendo la meglio doppia finale playoff contro il Foggia. Ai rossoneri non riesce la remontada allo "Zaccheria", dove è successo di tutto, nel ritorno terminato 1-1. Gara sospesa 13' per un'invasione di campo di pochi tifosi rossoneri, ma subito sedata da steward e Forze dell’Ordine. Gattuso, durante la gara, è stato colpito da una bottiglietta, proveniente dalla tribuna Ovest mentre sostava nell’area tecnica davanti alla propria panchina. Il tecnico del Pisa è stato, poi, espulso assieme al collega De Zerbi alla ripresa del gioco. Clima surreale allo "Zaccheria", con oltre 20mila spettatori sugli spalti che hanno provato a spingere il Foggia in B.
(da gazzetta.it)

Euro 2016, Germania-Ucraina 2-0: risolvono Mustafi e Schweinsteiger

Gruppo C: i tedeschi vincono 2-0 coi gol dell'ex doriano Mustafi nel primo tempo e Schweinsteiger nel recupero. La squadra di Low convince, ma ci vuole un ottimo Neuer per non prendere gol


Schweinsteiger  e  Mustafi. Epa

No, non è per la cabala. Quella che accreditava la Germania di 6 vittorie e 5 pareggi negli esordi agli Europei giocati. I tedeschi, che piegano una buona Ucraina 2-0 nella seconda partita del gruppo C, vanno accreditati tra le favorite assolute, nonostante le crepe difensive e un esordio più sofferto del previsto. C'è troppa qualità in campo, distillata fin da inizio manovra. Il telaio, in fibra di attitudine tedesca, è ingentilito da spruzzatine di guardiolismo e da un tasso di piedi buoni da aliquota al 70% del reddito. 
(da gazzetta.it)

Euro 2016, Polonia-Irlanda del Nord 1-0, Milik segna un gol storico

Prima vittoria nel torneo continentale per i polacchi: decide l'attaccante dell'Ajax seguito anche dall'Inter, delude Lewandowski, Szczesny non corre pericoli


L'esultanza di Milik e compagni. GettyPuò sembrare strano, ma il gol di Milik alla piccola Irlanda del Nord rappresenta un momento storico per la sua Polonia che in passato ha vissuto momenti di gloria arrivando anche due volte terza ai Mondiali, eppure all'Europeo non aveva mai vinto: il tabù viene infranto dopo sette partite, alla terza qualificazione consecutiva. Nulla di cui sorprendersi, ovviamente: Lewandowski e compagni hanno semplicemente rispettato il pronostico contro una nazionale che ha gia fatto un miracolo arrivando in Francia. Di George Best, del resto, ne nasce uno ogni cent'anni.
(da gazzetta.it)

Europei 2016, Turchia-Croazia 0-1. Decide una magia di Modric

Un capolavoro del regista del Real Madrid al 42' regala i primi 3 punti ai croati. Nella ripresa Srna e Perisic colpiscono la traversa, anche Brozovic vicino al raddoppio. Incidenti prima dell'inizio della partita tra francesi e turchi




Vince la tecnica deliziosa della Croazia davanti ai morsi ripetuti e anche un po’ stucchevoli di una Turchia che gioca un calcio stopposo e falloso. La decide Luka Modric, folletto campione di Champions che con un tiro al volo al tramonto del primo tempo mette a sedere Babacan dando il primo segnale anti-Spagna. Oltre a ciò, due traverse (di Srna e Perisic) danno alla Croazia il timbro ufficiale di veri rivali degli iberici nel Girone D.
(da gazzetta.it)

domenica 12 giugno 2016

Inghilterra-Russia, scontri a Marsiglia: un tifoso inglese in fin di vita

Incidenti shock nella zona del Porto Vecchio: trentuno feriti e sei arresti. Coinvolti anche ultrà francesi. Scontri anche dentro il Velodrome. Altri due tifosi britannici sono gravi. E la Uefa ha aperto una procedura disciplinare contro la Federazione Russa






L'Europeo si macchia subito di sangue: nel teatro di guerra andato in scena a Marsiglia c'è un ragazzo che rischia la vita. È un inglese, uno degli hooligan coinvolti negli incidenti che hanno avuto luogo nella zona del Porto Vecchio a poche ore dalla partita tra Inghilterra e Russia: ha ricevuto colpi di spranga alla testa e ha avuto un arresto cardiaco. Altri due tifosi britannici sono ricoverati in ospedale a Marsiglia in condizioni gravi. Agli scontri hanno partecipato anche ultrà francesi: hanno già fatto il giro del mondo immagini scioccanti con alcuni tifosi che hanno subito pugni e calci al volto, altri ricoperti di sangue, uno colpito violentemente con una sedia in testa. I feriti sono diverse decine, anche se il bilancio ufficiale parla di 31: uno di questi (di nazionalità inglese) ha dovuto ricevere un massaggio cardiaco ed è poi stato trasportato in ospedale dove, come detto, lotta tra la vita e la morte. In un primo momento, secondo quanto diffuso da BmfTV, sembrava che fosse grave anche un tifoso russo, poi la voce non ha trovato conferme ufficiali. Sei gli arresti effettuati dalla polizia. 
(da gazzetta.it)

Europei 2016, Inghilterra-Russia 1-1, Hodgson beffato al 92'

La nazionale dei Tre Leoni convince sul piano del gioco, colpisce una traversa con Rooney, va in vantaggio con Dier, ma in pieno recupero viene raggiunta da Berezutski. Incidenti anche allo stadio dopo quelli del pomeriggio






Giovane, bella, e magari anche possibile, se non fosse per la grande beffa che si consuma al 92', in pieno recupero: l'Inghilterra è arrivata all'Europeo vincendo dieci partite su dieci nelle qualificazioni e lo comincia pareggiando, raggiunta dal veterano Berezutski quando tutto sembrava fatto. L'1-1 con la Russia non rende giustizia a Hodgson e a fine partita, sugli spalti, continua la guerra che si era scatenata già nel pomeriggio per le strade di Marsiglia. C'è un tifoso inglese che all'ospedale lotta tra la vita e la morte: terminati i 90 minuti che hanno fatto ritrovare il piacere del calcio, si tornerà ovviamente a parlare del sangue versato negli ennesimi scontri che da sempre accompagnano la nazionale inglese nei grandi eventi. Anche perché, nella notte, gli incidenti sono proseguiti in metropolitana, causando la sospensione del servizio e la chiusura della fermata di Baille. Mentre la Uefa ha aperto un procedimento disciplinare contro la Federazione Russa per i fatti del Velodrome.
(da gazzetta.it)

Europei 2016, Galles-Slovacchia 2-1: Bale segna e illumina, Hamsik battuto

I britannici vincono la loro prima storica partita all'Europeo trascinati dal fuoriclasse del Real Madrid che sblocca il risultato. Pareggio di Duda, rete della vittoria di Robson-Kanu


La punizione di Bale che porta in vantaggio il Galles. Reuters

Hamsik c'è, ma Bale di più. Mette in discesa la partita del Galles con una punizione dalla traiettoria fantasiosa, ed è vero che il portiere della Slovacchia Kozacik avrebbe potuto fare meglio, ma è il colpo del campione che mette il segno sul pomeriggio e continua a correre fino alla fine. Il suo momento di flessione coincide con la flessione di tutto il Galles, e nel secondo tempo Hamsik sale e prova a creare qualcosa di buono: prima, però, è Mak a servire Duda per il pareggio, poi è proprio Hamsik a seminare il panico per lunghi minuti del secondo tempo fra le maglie rosse del Galles. Ma la squadra di Coleman resiste, giocando un calcio a tratti ingenuo e sempre coraggioso. La qualità arriva dal campione d'Europa Bale ma anche da Aaron Ramsey, che si concede qualche colpo di tacco di troppo, ma viene sostituito perché arrivato praticamente allo sfinimento fisico. Dal resto della squadra, a partire dal capitano Williams, uomo chiave anche a Swansea con Guidolin, arrivano l'attenzione e la generosità che portano il Galles a questo successo storico.
Bale, 26 anni e Hamsik, 28.
(da gazzetta.it)

sabato 11 giugno 2016

Europei 2016, Albania-Svizzera 0-1: sbaglia Berisha, segna Schär

Esordio sfortunato per De Biasi, tradito da un errore del suo portiere: Cana espulso dopo 37', palo di Dzemaili, Gashi spreca l'1-1 a 3' dalla fine


Berisha sbaglia l'uscita, Shar mette in rete di testa. LaPresse

Si può essere eroi anche quando si perde. Tra i mille rivoli di una sfida affascinante (i fratelli Xhaka contro, i tanti albanesi cresciuti in Svizzera, i kosovari con la maglia biancorossa, l’invasione pacifica dei tifosi e tanto altro ancora) è la testa di un difensore centrale a lasciare il segno: la gara è ancora nella sua alba (appena 6 minuti), quando Schar gira in porta un pallone lento, facile da bloccare anche per un ragazzino. Il problema per l’Albania è uno: il suo portiere, il laziale Berisha, ha pensato bene di guastare l’esordio all’Europeo con un’uscita criminale. Un gol banale, ma pesantissimo. La Svizzera porta a casa tre punti vitali e ora potrà gestire la gara con la Romania: con un punto la qualificazione è quasi certa. Rimandata, ma non bocciata la nazionale di De Biasi. E’ partita malino (non solo per l’errore di Berisha), poi ha preso fiducia.
(da gazzetta.it)

Europei 2016, Francia-Romania 2-1: Payet gol all'89', Deschamps esulta

Un capolavoro della stella del West Ham regala un successo soffertissimo ai padroni di casa: nella ripresa Stancu su rigore aveva replicato al temporaneo vantaggio di Giroud viziato da un fallo su Tatarusanu. Palo di Griezmann nel primo tempo


Didier Deschamps aveva ragione a dubitare della sua Francia: quello che non poteva prevedere, almeno non pubblicamente, è che alla fine il talento in abbondanza della sua squadra gli avrebbe regalato il successo a un minuto dalla fine della gara inaugurale dell'Europeo. La Romania cede all'89': Payet lascia il campo in lacrime, poco prima ha mandato in delirio lo Stade de France e tutto il paese con un meraviglioso sinistro all'incrocio dei pali. Finisce 2-1 e i Bleus fanno festa dopo aver sofferto forse più del previsto.
L'esultanza di Payet. Ap

(da gazzetta.it)

venerdì 10 giugno 2016

Pescara promosso in Serie A: basta il pari a Trapani

Primo tempo infernale della squadra di Cosmi, in vantaggio già al 5' con Citro e che sfiora più volte il raddoppio. Nella ripresa la prodezza di Verre (gol da 40 metri) e l'espulsione di Scognamiglio (per doppio giallo) chiudono la finale di ritorno dei playoff. E' festa in Abruzzo




Sale il terzo gradino del podio della Serie B il Pescara e riconquista la Serie A, per la sesta volta nella sua storia. Un traguardo programmato, voluto fortemente, sfiorato lo scorso anno e conquistato adesso sul terreno del Provinciale, tra l’esultanza dei 400 pescaresi assiepati nel settore-ospiti, ma anche con gli applausi degli sconfitti. 
(da gazzetta.it)

martedì 7 giugno 2016

Italia-Finlandia 2-0, Candreva-De Rossi, Conte sorride a 7 giorni dall'Europeo

Un gol per tempo regala il successo agli azzurri nell'ultimo test prima dell'esordio in Francia: la Nazionale non incanta, ma si dimostra solida

 


 Sembra una di quelle automobili giapponesi che fanno piangere i meccanici, l’Italia di Conte. Una di quelle macchine che non si rompono mai, magari non bellissime, ma affidabili e concepite con ingegneristica intelligenza. A Verona, la Nazionale batte 2-0 la Finlandia nell’ultima amichevole prima di Euro 2016. Non incanta, certo, ma si conferma tosta, organizzata, sicura di ciò che fa. Un osso duro per tutti, là in Francia, anche col deficit di qualità che tutti riconoscono. 
(da gazzetta.it)

mercoledì 1 giugno 2016

Nazionale, i 23 convocati: De Rossi c'è, Insigne, Sturaro e Bernardeschi pure

Esclusi Jorginho e Bonaventura. In difesa Ogbonna (preferito ad Astori e Rugani) si aggiunge al blocco juventino. Stasera l'annuncio ufficiale in diretta tv

Non c'è Jorginho nella lista dei 23 per l'Europeo. A sorpresa Conte esclude il play del Napoli, considerando forse sufficienti gli altri due centrali (De Rossi e Thiago Motta). Il c.t. ha secretato la lista fino a mezzanotte per evitare fughe di notizie. Confermato Bernardeschi, out Bonaventura: tra i centrocampisti nella lista per Francia 2016 c'è lo juventino Sturaro, una mezzala dinamica che potrà dare il cambio a Florenzi, Giaccherini e Parolo. In difesa c'è Ogbonna (preferito ad Astori e Rugani), che si aggiunge al blocco juventino. Stasera in diretta tv Conte rivelerà ufficialmente la lista degli azzurri ai quali si aggiungeranno le riserve Zappacosta, Benassi e Rugani che lavoreranno con la squadra perché, in caso di infortunio fino a 24 ore prima della gara inaugurale, si può procedere a una sostituzione.
 
l'elenco — Ecco la lista: Portieri: Buffon (Juve), Marchetti (Lazio), Sirigu (Psg); Difensori: Barzagli (Juve), Bonucci (Juve), Chiellini (Juve), Darmian (Manchester United), De Sciglio (Milan), Ogbonna (West Ham). Centrocampisti:Bernardeschi (Fiorentina), Candreva (Lazio), De Rossi (Roma), El Shaarawy (Roma), Florenzi (Roma), Giaccherini (Bologna), Sturaro (Juventus), Thiago Motta (Psg), Parolo (Lazio). Attaccanti: Eder (Inter), Immobile (Torino), Insigne (Napoli), Pellè (Southampton), Zaza (Juve). Riserve: Zappacosta (Torino), Rugani (Juventus), Benassi (Torino)